per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

SCONFIGGERE LA POVERTA'

Porre fine ad ogni forma di povertà nel mondo

Nel 2017 in Italia il 20,6% della popolazione si trovava in condizione di povertà di reddito e il 12,1% in condizione di grave deprivazione materiale. A livello globale, circa 1,3 miliardi di persone, vive in povertà multidimensionale, che prende in esame fattori determinanti come la salute, l’educazione, gli standard di vita.

Oms: la metà della popolazione globale non ha accesso a servizi sanitari di base

Ogni anno al mondo 100 milioni di persone sono costrette a vivere in condizione di povertà a causa delle spese sanitarie private. Servono più investimenti da parte dei governi, fondamentali la lotta alle epidemie e l’innovazione finanziaria. 25/1/2019

Nonostante gli enormi passi avanti compiuti negli ultimi decenni, c’è ancora molto da fare in materia di assistenza sanitaria. Secondo la recente ricerca “Tracking Universal Health Coverage: 2017 Global Monitoring Report”, condotta in sinergia tra l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e la Banca mondiale, metà della popolazione globale non può ancora accedere a servizi sanitari indispensabili, e ogni anno circa 100 milioni di persone vivono in condizione di povertà a causa delle alte spese sanitarie “out-of-pocket” (ovvero quelle private, direttamente a carico dalle famiglie) che sono costrette a sostenere. Un fattore, quest’ultimo, determinante, perché non si può garantire un’assistenza sanitaria “universale” fin quando i costi da sostenere rappresentano un notevole onere finanziario per le famiglie. 

Ogni anno sono circa 800milioni le persone (potrebbero formare la terza nazione del mondo per popolazione) che spendono almeno il 10% del proprio reddito in cure. Una quota non banale, che spesso costringe a scegliere tra salute e altri beni e servizi necessari come il cibo e la retta da pagare per mandare i propri figli all’università. 

Di questi, nel 2010 circa 281 milioni vivevano nell’Est asiatico (quota che rappresenta il 12,9% della popolazione locale), 220,6 milioni nel Sud asiatico (13,5% della popolazione locale), 89 milioni nell’Africa sub-sahariana (10,3% della popolazione locale), 88,3 milioni in America latina (14,8% popolazione locale), 61,8 milioni in Europa e Asia centrale (7% popolazione locale) e 52,2 milioni in Medio-oriente e Africa del Nord (13,4 % popolazione locale).

La ricerca si focalizza anche sugli effetti indiretti generati dalla precarietà del comparto sanitario. Uno su tutti: la perdita di capitale umano. La salute costituisce infatti la base della attività svolte quotidianamente dalle persone. Senza una buona condizione di salute, ad esempio, calano le prestazioni sul posto di lavoro delle persone e i bambini sono costretti a rinunciare alla formazione scolastica, un danno sia sotto il profilo culturale che economico. “L’unico modo per garantire universalmente l’assistenza sanitaria è chiedere ai governi uno sforzo maggiore negli investimenti da indirizzare al settore”, sostiene Jim Yong Kim, presidente della Banca mondiale. Importanti sono quelli da destinare alle cure dei bambini: i primi anni di vita determinano le buone condizioni future.

Il rapporto, inoltre, sottolinea che non c’è una via unica per assicurare l’assistenza sanitaria a chi ne ha bisogno, in modo da centrare l’impegno al 2030 che le Nazioni Unite si sono assunte attraverso l’adozione dell’Agenda 2030, ma ci sono diversi percorsi da intraprendere per accelerare il processo di efficientamento. Innanzitutto occorre destinare maggiori fondi alla sanità, cercando di stimolare i comparti maggiormente virtuosi. Al momento, nel mondo, il costo medio per assicurare le prestazioni sanitarie essenziali ammonta a 90 dollari a persona. Nel 2015, 71 Paesi non hanno raggiunto questa quota con, addirittura, altri 41 che hanno assicurato solamente un investimento pari a 25 dollari a persona.

Serve poi anche una sanità di qualità. Nei Paesi a basso e medio reddito circa il 10% dei pazienti contrae malattie infettive durante il proprio soggiorno ospedaliero (il 7% nei Paesi a economie avanzate). Capitolo fondamentale su cui agire è quello legato alle epidemie. C’è stato, infatti, negli ultimi 30 anni un aumento delle tipologie di epidemie diffuse a livello planetario. Infine, se si vuole davvero estendere l’assistenza sanitaria rendendola universale entro il 2030, non si può prescindere dall’uso delle nuove tecnologie e dall’innovazione nel settore finanziario. Continuare con l’approccio del “business as usual”, sostiene la ricerca, crea enormi distorsioni all’interno del mercato sanitario, incidendo in maniera negativa sulla salute delle persone

 

di Ivan Manzo

 

venerdì 25 gennaio 2019
#goal3 #goal1 #ASviS_Altre_News

Aderenti

Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile - ASviS
Via Farini 17, 00185 Roma C.F. 97893090585 P.IVA 14610671001

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale