per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

VITA SULLA TERRA

Proteggere, ripristinare e favorire un uso sostenibile dell'ecosistema terrestre, gestire sostenibilmente le foreste, contrastare la desertificazione, arrestare e far retrocedere il degrado del terreno, e fermare la perdita di diversità biologica

Tra il 2010 e il 2015, la perdita annuale di aree forestali era meno della metà che nel 1990, ma la perdita di biodiversità continua a tassi allarmanti. In Italia non si è concluso l’iter di approvazione della Legge sul consumo di suolo e, tra giugno e luglio 2017, sono andati in fumo oltre 26mila ettari di superfici boschive, pari al 93,8% del totale della superficie bruciata per dolo o colpa in tutto il 2016.

Approvato l'inserimento dei 12 indicatori di Benessere equo e sostenibile nel Def

Il Documento di economia e finanza andrà “oltre il Pil” grazie ai nuovi indicatori Bes introdotti per misurare l’efficacia delle politiche. La scelta degli indicatori a seguito del lavoro di un Comitato tecnico, con la partecipazione di Giovannini.

Diseguaglianza e povertà assoluta, ma anche uscita precoce dal sistema di istruzione ed emissioni di CO2: sono solo alcuni dei 12 indicatori di Benessere equo e sostenibile (Bes) che, con decreto ministeriale pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 15 novembre, sono stati approvati ufficialmente per entrare a far parte del Documento di economia e finanza (Def). Il documento che delinea la strategia triennale di politica economica del Paese sarà quindi arricchito dai nuovi indicatori per valutare la qualità delle politiche e i relativi effetti sui cittadini in termini di benessere collettivo e sostenibilità.

La scelta di andare “oltre il Pil” nella programmazione economica, cioè al di là delle misure tradizionali, rappresenta un passo importante per l’Italia, che è all’avanguardia in questo campo, come ribadito anche dal ministro dell’economia e delle finanze Pier Carlo Padoan nel corso della conferenza stampa di presentazione degli indicatori: ‘’l’Italia è il primo Paese nell’Unione europea e nel G7 ad aver introdotto gli obiettivi di benessere nella politica economica. Ne dobbiamo essere orgogliosi. In Italia bisogna migliorare la demografia, l'inclusione sociale, le strutture a sostegno della famiglia e il tasso di partecipazione dei giovani al lavoro’’.

I 12 indicatori, di cui quattro erano già stati introdotti in via sperimentale nell’ultimo Def, sono stati selezionati da un apposito Comitato, presieduto dal dirigente del ministero dell’Economia Federico Giammusso per conto del ministro e costituito da esperti del settore, tra cui il portavoce dell’ASviS Enrico Giovannini, che nei suoi precedenti incarichi di chief statistician dell’Ocse e di presidente dell’Istat ha avviato le ricerche sulle misure del progresso e fatto nascere il Bes in Italia.

Nel Def del prossimo anno la lista dei quattro indicatori già inseriti sarà arricchita per arrivare presto a comprendere i 12 indicatori ed entro il 15 febbraio di ogni anno verrà presentata in Parlamento una relazione sull’evoluzione degli indicatori sottolineando gli effetti determinati dalla legge di bilancio.

Di seguito l’elenco completo dei 12 indicatori Bes:

1)     reddito medio disponibile aggiustato pro capite;

2)     indice di diseguaglianza del reddito disponibile;

3)     indice di povertà assoluta;

4)     speranza di vita in buona salute alla nascita;

5)     eccesso di peso;

6)     uscita precoce dal sistema di istruzione e formazione;

7)     tasso di mancata partecipazione al lavoro, con relativa scomposizione per genere;

8)     rapporto tra tasso di occupazione delle donne di 25-49 anni con figli in età prescolare e delle donne senza figli;

9)     indice di criminalità predatoria;

10)  indice di efficienza della giustizia civile;

11)  emissioni di C02 e altri gas clima alteranti;

12)  indice di abusivismo edilizio.

Di Flavia Belladonna

Guarda la pubblicazione degli indicatori Bes sulla Gazzetta Ufficiale

Leggi anche:

-        Le proposte del Parlamento sugli indicatori del Bes

-        I numeri del Bes che entreranno nella legge di bilancio per valutare le politiche

-        Le “azioni strategiche” previste nel Def e il ruolo della società civile

giovedì 16 novembre 2017
#agenda2030 #ASviS_Altre_News

Aderenti

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale