per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

PACE, GIUSTIZIA E ISTITUZIONI SOLIDE

Promuovere società pacifiche e più inclusive per uno sviluppo sostenibile; offrire l'accesso alla giustizia per tutti e creare organismi efficienti, responsabili e inclusivi a tutti i livelli

A livello globale, il numero di vittime di omicidi volontari si è attestato nel 2015 tra le 4,6 e le 6,8 vittime ogni 100mila persone, e persistono molteplici forme di violenza nei confronti dei bambini. In Italia, sono stati adottati molti provvedimenti per promuovere giustizia e istituzioni solide, ma resta bassa la partecipazione dei cittadini ai processi decisionali.

Articoli

Le istituzioni culturali e gli open data

di Paola Dubini, centro ASK Università Bocconi

Una cultura dell’informazione condivisa migliora la qualità della convivenza civile e riduce corruzione e illegalità. Lo sviluppo delle tecnologie e la diffusione dell’uso di Internet offrono alle istituzioni culturali la possibilità di presentare le proprie collezioni e un'opportunità senza precedenti per coinvolgere un pubblico globale.
Aprile 2017

Il gruppo di lavoro Goal 16 di ASviS ha individuato l’informazione come precondizione per la promozione dei target dell’Obiettivo 16 e la filosofia open data come chiave di lettura specifica per il loro approfondimento. Si tratta di considerare il patrimonio informativo dei dati pubblici come base per progettare dinamiche partecipative, che non soltanto ripensino completamente i rapporti tra la pubblica amministrazione e il cittadino, ma che riconoscano quale loro motore la conoscenza che gli individui possono sviluppare grazie all’accesso e all’utilizzo dei dati prodotti dalla PA.

La scommessa è significativa: da un lato si tratta di fare leva sulla trasparenza e sull’informazione condivisa per rendere i cittadini più consapevoli e partecipi (stakeholder engagement), per contrastare fenomeni di illegalità o di malgoverno della cosa pubblica o viceversa per rendere più costruttiva la relazione fra cittadini ed enti pubblici. L’idea di fondo è che una cultura dell’informazione condivisa migliora la qualità della convivenza civile e riduce corruzione e illegalità.

Da un punto di vista complementare, la scommessa è che la condivisione di dati pubblici facilmente accessibili generi opportunità imprenditoriali e offra possibilità di sviluppo di mercati del lavoro, rompendo qualche rendita di posizione nei mercati. Perché ciò accada, i dati pubblici devono essere di qualità, corretti e aggiornati, e dare ragionevole sicurezza a chi intende utilizzarli a fini imprenditoriali di poter contare anche in futuro sulla loro disponibilità e aggiornamento.

L’ambito culturale rappresenta un interessante terreno di sperimentazione sulla possibilità che gli open data siano efficaci nelle due macro direzioni auspicate. Il consiglio dei ministri ha recepito il 9 maggio 2015 la direttiva 2013/37/UE sullo sfruttamento delle risorse culturali del settore pubblico in piena coerenza con gli obiettivi del goal 16.

Una delle caratteristiche tipiche di archivi, biblioteche e musei è di sviluppare attraverso le proprie attività valorizzazione della memoria e forme di coinvolgimento cittadino e senso di appartenenza, indispensabili per sviluppare coesione e sostenibilità sociale. Queste istituzioni sono impegnate da alcuni anni in sforzi di digitalizzazione delle proprie collezioni e il tema dell’opportunità di continuare in questa direzione, su come orientare tali sforzi e soprattutto con quali finalità è molto sentito.

Lo sviluppo delle tecnologie informatiche e la diffusione dell’uso di Internet offrono alle istituzioni culturali la possibilità di presentare in modo nuovo le proprie collezioni e in linea teorica un'opportunità senza precedenti per coinvolgere un pubblico globale, per rendere i beni culturali più significativi e interconnessi che mai, consentendo anche agli utenti geograficamente lontani non soltanto di godere delle loro ricchezze, ma anche di contribuire, partecipare e condividere.

Perché ciò accada, però, è innanzitutto necessaria una scelta precisa e dichiarata: l’apertura delle collezioni, ossia la possibilità che il contenuto digitale sia liberamente utilizzato, riutilizzato e ridistribuito da chiunque, soggetto eventualmente alla necessità di citarne la fonte e che sia condivisibile con lo stesso tipo di licenza con cui è stato originariamente rilasciato.

Successivamente è necessario che le diverse collezioni siano in grado di essere indicizzate, collegate, ricercate in modo facile, così da rendere effettivamente (e non solo sulla carta) più accessibile il patrimonio.

E naturalmente è necessario uno sforzo di comunicazione ad utenti vecchi e nuovi sugli sforzi effettuati e sulle potenzialità offerte dalla disponibilità in rete di contenuti informativi di valore.

A ben vedere queste attività sono svolte in modo molto efficace da alcuni soggetti privati; la necessità di avere uno spazio pubblico digitale suggerisce una grande attenzione agli sforzi compiuti dalle organizzazioni culturali nella loro elaborazione di una strategia culturale ed editoriale relativa alle collezioni digitali, che permetta:

  • uso, riuso ed esplorazione dei contenuti. Mettendo a disposizione del pubblico intere collezioni digitali e non di materiali, si sollecita la curiosità e l’attenzione del pubblico;

  • creazione, arricchimento, valorizzazione e sostegno alle collezioni, capitalizzando l’apprendimento che deriva da ogni progetto attraverso la condivisione digitale.

New York Public Library e British Library sono fra le organizzazioni culturali che più stanno investendo nella direzione di creare conoscenza a partire da progetti di digitalizzazione; il programma Wikipediani in residenza rappresenta un’altra direzione interessante di ricerca a carattere più divulgativo, finalizzata a sostenere gli sforzi di promozione delle istituzioni culturali (in particolare musei) e di mobilitazione della collettività.

Il passo ulteriore è rappresentato dalla opportunità che tali collezioni possano essere valorizzate nella direzione di creare valore economico. Da questo punto di vista una delle istituzioni più attive è il Reijskmuseum, che mette a disposizione una collezione di immagini ad alta risoluzione libere da diritti perché vengano proposte da giovani artisti idee di merchandising che sono poi votate dalla collettività e realizzate.

Aderenti

Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile - ASviS
Via Farini 17, 00185 Roma C.F. 97893090585 P.IVA 14610671001

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale