per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

PARTNERSHIP PER GLI OBIETTIVI

Rafforzare i mezzi di attuazione e rinnovare il partenariato mondiale per lo sviluppo sostenibile

Nel 2016, gli Aiuti pubblici allo sviluppo da parte dei Paesi Ocse sono aumentati dell'8,9% e Germania, Danimarca, Lussemburgo, Norvegia, Svezia e Regno Unito hanno raggiunto il traguardo fissato dall'Onu di portarli allo 0,7% del reddito nazionale lordo. In Italia, l’obiettivo è ancora lontano e si attende l’approvazione della legge sul Commercio equo e solidale.

Articoli

Più commercio equo tra i criteri ambientali minimi per gli acquisti pubblici sostenibili

di Stefano Toma, responsabile progetti e advocacy in Fairtrade Italia

Con il nuovo Codice dei contratti pubblici D.Lgs. 18 aprile 2016 n.50 i Criteri ambientali minimi (Cam) per l’implementazione dei cosiddetti acquisti pubblici sostenibili saranno alla base di ogni gara d’appalto. La revisione dei Cam attualmente in corso è l’occasione per spingere le amministrazioni locali all’implementazione degli Obiettivi di sviluppo sostenibile.
Novembre-Dicembre 2017

Competenze legislative e governance multilivello per l’attuazione degli Obiettivi di sviluppo sostenibile

di Sabrina Bandera, Elena Di Carpegna Brivio e Marco Fontana

Éupolis Lombardia ha approfondito la questione della struttura delle competenze legislative di Unione europea, Stato e Regioni per l’attuazione degli SDGs, nell’ambito del più ampio percorso di ricerca che ha portato alla realizzazione del Rapporto Lombardia 2017.
Novembre-Dicembre 2017

Stati Generali della Green economy 2017: l'opinione dei cittadini italiani alla vigilia delle elezioni

di Toni Federico, Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile

La terza Relazione sullo stato della green economy in Italia documenta i risultati di un’indagine sulle opinioni dei cittadini sulle misure di green economy nelle città. Il Consiglio nazionale della green economy avanza dieci raccomandazioni ai partiti politici.
Novembre-Dicembre2017

Il G7 e gli SDGs sul commercio internazionale

di Davide Cichero, esperto di economia e commercio internazionale

Il commercio internazionale è un tema che caratterizza sia gli Obiettivi di sviluppo sostenibile, in particolare con i principi del contrasto al protezionismo e del sostegno al sistema di commercio multilaterale, che il G7. La chiusura della Presidenza italiana del G7 rappresenta un’occasione per verificare i progressi raggiunti sul tema.
Novembre-Dicembre 2017

Indicatori compositi e piattaforma Asset: come leggere le sfide di domani

di Andrea Stefani, Segretariato ASviS

Nel Rapporto per la prima volta presentiamo degli indicatori sintetici basati sui dati rilasciati dall’Istat. È difficile avere a che fare con oltre 160 indicatori, per questo abbiamo costruito questi indicatori sintetici per ogni Goal nel tempo.

L’Italia e le policy verso gli SDGs: la sfida della valutazione

di Davide Ciferri, Segretariato ASviS

Un disegno appropriato di politiche rivolte allo sviluppo sostenibile si scontra necessariamente con la complessità dell’Agenda 2030 e i diversi gradi di interrelazione tra le dimensioni degli SDGs. Come evidenziato nel Rapporto ASviS 2017, lo sviluppo di modelli di valutazione è necessario per l’identificazione dei potenziali tradeoff e degli strumenti più efficaci per il raggiungimento degli SDGs.

I risultati del Global Shaper Survey: come i millennials vedono il proprio futuro

di Efrem Garlando, Global Shapers, Vice-Curator Rome Hub

Secondo il più grande sondaggio su come i giovani vedono il futuro, il cambiamento climatico rappresenta per la metà degli intervistati la principale sfida. Seguono le guerre su larga scala e le disuguaglianze. Tra le speranze, invece, la tecnologia ricopre un ruolo fondamentale.

Sustainable Development Goals per gli investitori responsabili

di Flavia Micilotta, direttore esecutivo di Eurosif

Il raggiungimento degli SDGs richiederà un investimento pari a 1,4mila miliardi di dollari nei Paesi in via di sviluppo a basso reddito: il settore privato e gli investitori hanno quindi un grande ruolo da svolgere. Promuovere l'adozione di criteri ambientali, sociali e di governo in tutta la catena del valore degli investimenti può incoraggiare maggiori investimenti privati nello sviluppo sostenibile, con un conseguente impatto positivo sulla società.
Maggio-Giugno 2017

Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile: il Goal 17 e l'analisi di ASviS

di Gemma Arpaia, coordinatrice del Gruppo di lavoro sul Goal 17

La proposta di Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile affronta la dimensione Partnership in modo diverso rispetto alle altre tematiche, per le quali sono evidenziate in maniera più chiara indicatori, dati di partenza e il relativo risultato atteso per il 2030.
Marzo 2017

Un viaggio nel futuro che dura 17 giorni, per cambiare il nostro presente

di Flavia Belladonna, Segretariato ASviS

Non solo dibattiti, ma anche presentazioni di libri e progetti, proiezioni cinematografiche, performance teatrali, mostre fotografiche e visite guidate. Da oggi è possibile accedere al sito dedicato al Festival dello sviluppo sostenibile per rimanere aggiornati su tutti gli eventi.
Aprile 2017

Con i giovani disegnamo ora il mondo di domani

di Laura Brunetti, responsabile Comunicazione e Relazioni esterne Feem, e Simone Cresti, Sdsn Mediterranean Project Manager

Sono necessari impegno, entusiasmo e un modo di pensare in discontinuità con il passato: per questo i giovani sono ora chiamati a mobilitarsi per immaginare percorsi che contribuiscano al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs).
Marzo 2017

Convergenza profit e nonprofit nella cooperazione internazionale: una Guida alla partnership

di Patrizia Giorgio, program manager Fondazione Sodalitas

Imprese private, istituzioni e organizzazioni Nonprofit assolvono un importante compito collaborando per la tutela della comunità. La Riforma della cooperazione internazionale accredita per la prima volta le imprese private a scopo di lucro tra i soggetti del sistema della cooperazione allo sviluppo italiana, definiti, in chiare condizioni, “agenti di sviluppo”.
Febbraio 2017

La misura del benessere e gli indicatori sulla cultura

di Laura Forti, ricercatrice del Centro ASK, Università Bocconi

La quarta edizione del Rapporto BES affina la costruzione di un quadro di indicatori per rappresentare sinteticamente la qualità della vita e la crescita economica, sociale e culturale in Italia. Il Centro ASK ha avviato un progetto di ricerca per uno sviluppo degli indicatori di sintesi per il patrimonio culturale.
Febbraio 2017

L'impegno delle fondazioni filantropiche di comunità sugli SDGs: addio silos di settore e bolle professionali

di Carola Carazzone, Segretario generale di Assifero

Oggi esistono 1800 fondazioni di comunità in tutto il mondo, in Italia 26, con la previsione che diventino 30 nel 2017. Da Johannesburg il primo Summit mondiale della Filantropia di comunità.
Gennaio 2017

Otto domande a 33 Paesi: l’indagine Ocse sul raggiungimento degli SDGs

di Chiara Dipierri, Segretariato ASviS

L’indagine dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico circa il coordinamento e la realizzazione degli Obiettivi di sviluppo sostenibile si inserisce nel dibattito internazionale con i suoi primi importanti risultati.
Gennaio 2017

Il nuovo punto di riferimento per gli aiuti pubblici allo sviluppo sono gli SDGs

di Adolfo Morrone, membro del segretariato Asvis

Il “Credit Reporting System” o CRS fornisce informazioni sui progetti di aiuto finanziati da ogni paese. Avviate dall’Ocse nuove ricerche per collegare CRS e SDGs e rendere l’Agenda 2030 il framework di riferimento per la valutazione dei risultati della cooperazione allo sviluppo.
Dicembre 2016

Europa e sviluppo sostenibile: incertezze e ritardi nell’impegno per l’Agenda

Francesco Petrelli, responsabile relazioni istituzionali Oxfam Italia

L’Agenda 2030 viene definita dalla Commissione Ue come quadro di riferimento essenziale per le politiche europee di sviluppo. Particolare importanza per le attività ASviS riguarda la Comunicazione della Commissione sull’Agenda che si concentra sulle prossime tappe per realizzare gli SDGs, attraverso governance, metodologie, mezzi di realizzazione.
Dicembre 2016

I Parlamenti devono contribuire a orientare le scelte politiche verso obiettivi di medio termine

di Luigi Gianniti, docente di Diritto parlamentare presso la Facoltà di Scienze Politiche di Roma Tre

In un’epoca nella quale l’orizzonte delle scelte dei governi si restringe, adeguandosi ai tempi frenetici del mondo dei social media, i dibattiti parlamentari possono restituire alla politica una visione più ampia, nel quadro degli obiettivi dell’Agenda 2030.
Novembre 2016

Verso la società circolare

di Maurizio Gardini, Presidente di Confcooperative

Una società che sia sostenibile, attraverso democrazia e biodiversità economica ma anche perseguendo etica e legalità nella gestione delle imprese: ecco l'impegno di cui si fa carico il mondo delle cooperative.
Settembre-Ottobre 2016

Dall'Hlpf di New York un primo bilancio sull’Agenda 2030

di Elis Viettone con la collaborazione di Matteo Mancini – Segretariato ASviS

Tra gli importanti documenti presentati nel corso del High Level Political Forum on Sustainable Development che testimoniano il lavoro e gli sforzi compiuti si segnalano in particolare il rapporto del segretario generale dell’Onu Ban Ki-Moon, le 22 “National voluntary reviews” e lo studio dell’Ocse per aiutare i governi nazionali a definire le loro strategie per lo sviluppo sostenibile.
Luglio-Agosto 2016

Aderenti

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale