per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

SALUTE E BENESSERE

Assicurare la salute e il benessere per tutti e per tutte le età

Dal 2005 al 2016 il 90% dei paesi meno sviluppati ha beneficiato di meno di un medico ogni 1.000 persone e oltre il 60% meno di tre infermieri o ostetriche. L’Italia si colloca tra i paesi più virtuosi per mortalità infantile, e dal 2004 è in costante diminuzione anche il tasso di mortalità tra 30-69 anni per tumori maligni, diabete mellito, malattie cardiovascolari e malattie respiratorie croniche.

 

La salute mentale dei bambini e dei giovani nell'era digitale: sfide per il futuro

La dipendenza delle nuove generazioni dalla tecnologia ha alimentato ansia, depressione, disturbi del sonno e distorsioni dell’immagine corporea. Le raccomandazioni dell’Ocse. 28/1/2019

Nell’ambito dei suoi rapporti sulla salute mentale dei giovani, l’Ocse ha diffuso in ottobre lo studio Young People’s Mental Health in the Digital Age - Shaping the Future, effettuato in 28 Paesi europei. Il 10% dei ragazzi e il 14% delle ragazze dagli 11 ai 14 anni, che trascorrono in media su internet circa 29 ore settimanali, hanno riferito di “sentirsi a disagio” più di una volta alla settimana. Il 61% dei quindicenni non ha una piena consapevolezza della quantità di tempo impiegato per l’utilizzo dei dispositivi digitali e più della metà (54%) ha riferito di sentirsi male davanti all’impossibilità di connettersi ad internet. 

I dati forniti dalla documentazione Ocse tendono ad associare il fenomeno di sviluppo dei processi di digitalizzazione a reali problematiche legate al benessere neurologico delle nuove generazioni. La dipendenza dalla tecnologia digitale ha alimentato le preoccupazioni non solo dei genitori e degli insegnanti, ma anche delle istituzioni e dei ragazzi stessi, sempre più vittime di ansia, depressione, disturbi del sonno, distorsioni dell’immagine corporea e cyber-bullismo. I livelli di benessere sono stati individuati attraverso l’analisi dei gradi di soddisfazione in relazione all’utilizzo del digitale: gli utenti di internet estremi (più di sei ore al giorno) hanno più probabilità di essere insoddisfatti della loro vita, mentre gli utenti moderati (una o due ore al giorno) hanno mostrato un livello di soddisfazione più alto, ma più basso degli utenti che utilizzano internet un’ora o meno solo nei giorni feriali.
La raccomandazione dell'Ocse sulla protezione dei bambini online include un elenco di direttive rivolte ai governi e a tutte le parti interessate da seguire nella formulazione delle politiche, tra le quali:

  • adottare un approccio che minimizzi i rischi senza limitare le considerevoli opportunità e i benefici delle tecnologie digitali e sociali;
  • rafforzare la consapevolezza dei bambini, dei giovani e delle loro famiglie di poter essere partecipanti online responsabili e istruiti sull'uso e sui rischi dei servizi offerti da internet;
  • incoraggiare l’industria a produrre strumenti e contenuti pertinenti, appropriati e accessibili;
  • assicurare ai bambini e ai giovani che mostrano segni di malattia mentale un reale contributo di supporto e sostegno. 

Tramite gli studi sulle competenze digitali e sulla comprensione dell’impatto dell’innovazione tecnologica sul futuro dei bambini e dei giovani, l’Ocse ritiene necessario affrontare queste nuove sfide per utilizzare al meglio i nuovi strumenti offerti dalla rete, riducendone al minimo i rischi. 

 

di Cecilia Menichella

lunedì 28 gennaio 2019
#goal3 @goal4 #ASviS_Altre_News

Aderenti

Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile - ASviS
Via Farini 17, 00185 Roma C.F. 97893090585 P.IVA 14610671001

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale