per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

In Europa ci vogliono 61 anni per abbattere le disuguaglianze di genere

Secondo il Global Gender Gap Report 2017, sebbene a livello globale si noti un leggero miglioramento, ancora metà dei Paesi del mondo ha aumentato il divario tra donne e uomini.

Quest’anno il Global Gender Gap Index è stato analizzato per 144 Paesi raggiungendo la più ampia copertura di dati disponibili fino ad ora. Il rapporto pubblicato a ottobre 2017 sull’analisi di questi dati ha mostrato che a livello globale il divario tra uomini e donne nell’accesso ai servizi sanitari e di istruzione è rispettivamente del 4% e del 5%. Rimane invece molto ampia la distanza, a sfavore delle donne, per quanto riguarda la partecipazione economica e l'empowerment nel settore della politica: il divario, infatti, è del 42% per la partecipazione economica e circa del 77 % per la politica, percentuale che rimane comunque invariata rispetto allo scorso anno.

Il Global Gender Gap Index è stato introdotto per la prima volta dal World Economic Forum nel 2006 come strumento utile per catturare l’ampiezza delle disparità di genere e per monitorare il loro progresso nel tempo. La parità di genere viene calcolata su una scala che va da 0 (completa disuguaglianza) a 1 (completa uguaglianza) riguardo quattro dimensioni tematiche: partecipazione e opportunità economiche; risultati educativi; salute e sopravvivenza; partecipazione politica.

Sebbene la tendenza a livello mondiale sembri stia migliorando lentamente, a livello nazionale la situazione è piuttosto variegata. Tra i 142 Paesi coperti dall'indice sia per l’anno in corso che per  l’anno passato, 82 hanno aumentato il loro punteggio globale rispetto al 2016, mentre 60 lo hanno visto diminuire.

Allo stato attuale del progresso, la disuguaglianza di genere a livello globale, considerando il punteggio complessivo per tutte e quattro le tematiche, potrebbe essere livellata completamente in 61 anni per quanto riguarda l’Europa occidentale, in 62 anni in Asia meridionale, in 79 anni in America Latina e nei Caraibi, in 102 anni in Africa subsahariana, in 128 anni in Europa orientale e in Asia centrale, in 157 anni in Medio Oriente e Nord Africa, in 161 anni in Asia orientale e nel Pacifico e in 168 anni in Nord America a causa del livello estremamente basso dell’empowerment femminile nella politica. A livello globale di tratterebbe di una media di 120 anni.

Secondo il rapporto, perseguire il superamento delle disparità di genere è necessario, oltre che per una questione di giustizia sociale, anche per migliorare  la condizione economica complessiva.

Nel rapporto viene suggerita, inoltre, l’eliminazione delle lacune di genere nelle professioni come percorso chiave per raggiungere ulteriori progressi. Una ricerca effettuata con il motore di ricerca LinkedIn ha evidenziato che gli uomini sono sottorappresentati nei settori dell'educazione e della salute, mentre le donne lo sono fortemente nei settori dell’industria, dell’edilizia, dell’informazione e della comunicazione. Una redistribuzione equa di uomini e donne in ogni settore lavorativo comporterebbe benefici nella ripartizione del reddito abbattendo le barriere di genere.

di Giulia D’Agata

lunedì 06 novembre 2017
#ASviS_Altre_News #goal5

Aderenti

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale