per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

Oltre 600 gli eventi del Festival che testimoniano l'impegno di tutti per l'Agenda 2030

di Flavia Belladonna e Giulia D'Agata, Segretariato ASviS
Eventi nazionali, eventi organizzati dal Segretariato, convegni di esperti, e molto più. I 17 giorni saranno animati da iniziative di sapore diverso su tutto il territorio nazionale, anche con formule innovative per avvicinare chiunque alla cultura della sostenibilità.

Siete tutti invitati alla seconda edizione del Festival dello Sviluppo Sostenibile, un’occasione straordinaria per discutere di come l’Italia intenda realizzare uno sviluppo che sia sostenibile da tutti i punti di vista.

17 giorni (dal 22 maggio al 7 giugno), tanti quanti sono gli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs nell’acronimo inglese, da Sustainable Development Goals) dell’Agenda 2030, per richiamare l’attenzione sui temi dello sviluppo sostenibile, per fare circolare informazioni, buone pratiche e stimolare idee e politiche, pubbliche e private, con l’obiettivo di mantenere gli impegni sottoscritti all’Onu nel 2015 dal nostro Paese.

Gli SDGs, infatti, saranno il filo conduttore dell’iniziativa, promossa dall’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS) e dai suoi aderenti, oltre 200 organizzazioni tra le maggiori istituzioni e reti della società civile, impegnate nella realizzazione degli Obiettivi. All’impegno dell’Alleanza e dei suoi aderenti hanno voluto unirsi altre centinaia di soggetti attivi nel nostro Paese, testimoniando l’entusiasmo della società italiana per realizzare un’Italia più sostenibile. Un interesse in forte crescita, come dimostra l’incredibile aumento del numero di eventi organizzati su tutto il territorio nazionale rispetto all’anno scorso: da 221 eventi a oltre 600.

Sul sito del Festival è disponibile l’elenco di tutti gli eventi articolati per data, regione e tema prevalente (SDG), mentre tramite la pagina Media sarà possibile accedere a tutti i materiali multimediali del Festival, dai documenti istituzionali alle foto e il video ufficiale del Festival.

Il calendario degli eventi comprende anche eventi di rilevanza nazionale ed eventi organizzati direttamente dal Segretariato dell’ASviS. I primi, sono 20 occasioni di incontro dedicate ai temi chiave dello sviluppo sostenibile e ai diversi Obiettivi dell’Agenda 2030 organizzate da Aderenti dell’Alleanza, con il contributo dei Gruppi di lavoro dell’ASviS e collaboratori esterni. Roma, Torino, Milano, Bologna, Napoli, Taranto, Salerno, San Felice Circeo sono le città italiane che ospiteranno gli eventi nazionali del Festival. Da segnalare anche “I Festival nel Festival” organizzati a Bari, Bologna e Parma, che hanno voluto aprire per vari giorni piazze e spazi urbani dove si svolgeranno decine di momenti di riflessione, formazione e coinvolgimento sul tema della sostenibilità. I secondi, sono tre incontri, in apertura, a metà Festival e in chiusura, organizzati dal Segretariato dell’Alleanza per affrontare i principali aspetti di carattere sociale, ambientale, economico e istituzionale dell’Agenda 2030:

  • 22 maggio, Roma - “Italia 2030 - Innovare, riqualificare, investire, trasformare: dieci anni per realizzare un’Italia sostenibile”

    La Conferenza di apertura del secondo Festival dello Sviluppo Sostenibile, presso il Maxxi di Roma, sottolineerà come per portare il nostro Paese su un sentiero di sviluppo sostenibile, e cercare di centrare gli SDGs entro il 2030, sarà necessario un decennio di profonda e persistente innovazione economica, istituzionale e sociale, una vasta riqualificazione delle infrastrutture materiali e immateriali, un ciclo pluriennale di investimenti, anche pubblici, una vera a propria trasformazione dell’attuale modello di sviluppo. È prevista una diretta streaming.
  • 31 maggio, Milano - “SDGs, Climate and the Future of Europe”

    L’evento, che si terrà presso l’UniCredit Pavilion di Milano, organizzato in collaborazione con soggetti della società civile europea, sarà dedicato al futuro dell’Europa, al bivio tra la conferma del suo ruolo di “campionessa mondiale” di sviluppo sostenibile e i rischi di ripiegamento e protezionismo. Il confronto con interlocutori internazionali ed europei intende sviluppare una nuova narrativa per le future politiche dell’Ue basate sugli SDGs. L’evento si terrà in lingua inglese, con traduzione simultanea. È prevista una diretta streaming.
  • 7 giugno, Roma - “Italia 2030: un Paese in via di sviluppo sostenibile”

    Conclusione della seconda edizione del Festival dello sviluppo sostenibile, presso l’aula del palazzo dei gruppi parlamentari della Camera dei Deputati. L’ASviS presenterà alle istituzioni i risultati dei 17 giorni di riflessione, le idee e le proposte emerse durante la manifestazione. L’evento finale sarà un’occasione per discutere di temi fondamentali e dei prossimi passi da compiere per garantire il raggiungimento degli SDGs e il futuro a questa generazione e a quelle che verranno.

Questa gran ricchezza di eventi sarà affiancata anche dai “Nuovi percorsi dal Festival”, progetti e collaborazioni nate a partire dal Festival e dalle attività dell’ASviS, le quali coinvolgono istituzioni pubbliche e private, imprese e fondazioni.

Visto nel suo insieme, il Festival comunica l’idea di una grande comunità che si impegna, a vario titolo, per portare l’Italia sul sentiero dello sviluppo sostenibile. Non solo gli aderenti all’ASviS, ma anche la Rete delle università per lo sviluppo sostenibile (Rus) e numerose altre associazioni esterne all’Alleanza hanno proposto iniziative da svolgersi nelle giornate del Festival. Tutte iniziative presentate con una gran varietà di format: da importanti confronti tra esperti con conferenze, tavole rotonde, workshop e dibattiti, ad attività didattiche o formative e seminari; da spettacoli, concerti e mostre fotografiche e pittoriche a visite guidate ed escursioni; da presentazioni di libri a proiezioni cinematografiche; ma anche formule innovative come hackathon, workshop ludico-creativi, waste mob, caffExpò, reading, giochi di ruolo e molto altro. Ma in che cosa consistono questi nuovi format? Poiché non possiamo fornirvi un quadro completo di tutti gli eventi, proviamo a darvi qualche anticipazione raccontandovi solo qualcuno di questi eventi proposti con modalità innovative.

Il 25 maggio a Roma si terrà un hackathon dello sviluppo sostenibile dal titolo “Consumo e produzione responsabili nel mondo cooperativo. Come raggiungere l'obiettivo n. 12 dell'Agenda 2030 con la stewardship”: una maratona di idee strutturata in sei tavoli (legno-carta, risorse ittiche, prodotti chimici e agrofarmaci, antibiotici, acqua, territorio) per l’individuazione di soluzioni e modalità innovative per il consumo e la produzione responsabili nel mondo cooperativo, grazie all’utilizzo della stewardship (strategia di gestione responsabile) o di buone pratiche in uso presso le organizzazioni di provenienza.

Il 26 maggio l’evento “BalliAMO con i lupi: una convivenza sostenibile è possibile?” affronterà il problema della convivenza tra lupi e attività antropiche per conservare l’habitat dell’animale, attraverso il format del CaffExpò: dialoghi di sostenibilità intorno ai temi propri di Expo2015 “Nutrire il Pianeta, Energia per la vita”, che si svolgeranno all’interno di un Caffè.

Per i più piccoli saranno tante le occasioni. Tra queste, l’evento “#iostoconmoby” del 30 maggio sensibilizzerà circa 100 bambini delle elementari sul tema degli effetti che il cambiamento climatico e l’inquinamento da plastica provocano nei nostri oceani, partendo da racconti per far conoscere la vita di mammiferi e cetacei che vivono nelle acque, stimolando riflessioni sul rispetto della fauna marina, per arrivare a realizzare una balena di carta (con la tecnica dell’origami) da portarsi a casa, a memoria di ciò che può fare per prendersi cura di quelle nel mare. Il laboratorio di educazione ambientale "Piccole scelte, grandi progressi" del 22 maggio proporrà un gioco interattivo per imparare divertendosi: i bambini verranno portati a capire come le scelte quotidiane possono produrre un impatto sull' ambiente, sulla comunità e sugli altri bambini, attraverso un grande tappeto colorato e pieno di disegni ideato da un’illustratrice per bambini.

Il 31 maggio “Letture sulla terra” offrirà ai partecipanti un ciclo di reading di testi dedicati al pianeta. Saranno letture interpretate per accrescere la sensibilità ecologica. Nella stessa data, “Scienziati in prova - L'impatto della scienza sulla società” permetterà a chiunque di vestire per due ore i panni dello scienziato e svolgere semplici esperimenti sotto la guida di giovani ricercatori e docenti dell'università, in un vero laboratorio di ricerca, affrontando il tema del ruolo della scienza nel ricercare soluzioni innovative e sostenibili per gli Obiettivi 2 (“Sconfiggere la fame”) e 12 (“Produzione e consumo responsabili”). Un’altra iniziativa per l’equilibrio dell’ecosistema è la “Honey Factory”, una micro-architettura per produrre miele in città e per fare informazione sulla pratica dell’allevamento delle api, cercando di riavvicinare metropoli e natura e sensibilizzare i cittadini sul problema dell’estinzione delle api.

giovedì 17 maggio 2018
#ASviS_News_Alleanza

Aderenti

Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile - ASviS
Via Farini 17, 00185 Roma C.F. 97893090585 P.IVA 14610671001

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale