per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

Unione europea e Agenda 2030: best practice e prospettive per la sostenibilità

L’ultimo studio del Parlamento europeo delinea le politiche necessarie per l’implementazione degli SDGs a livello comunitario; l’ASviS presentata come esempio di coalizione delle organizzazioni della società civile. 22/2/2019

Il Parlamento europeo ha pubblicato “Europe's approach to implementing the Sustainable Development Goals: good practices and the way forward”, uno studio che esamina tutte le disposizioni adottate per l’implementazione degli Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals, SDGs)  e fornisce esempi di best practice e raccomandazioni per il raggiungimento dei Target fissati dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

Il documento, presentato il 7 febbraio a Bruxelles, ha rilevato che:

o la maggior parte degli Stati membri sta aggiornando il piano di sviluppo nazionale con l’inserimento degli SDGs;

o sono stati compiuti notevoli sforzi per migliorare la partecipazione degli stakeholder;

la maggior parte dei Paesi dell’Ue pubblica regolarmente rapporti e indicatori sullo stato di avanzamento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile;

molti Paesi stanno pianificando di migliorare i sistemi di valutazione dell’impatto sulla sostenibilità e i controlli di bilancio;

in un numero crescente di Stati esistono commissioni speciali o accordi relativi all’Agenda 2030.

Tra le raccomandazioni per l’implementazione degli SDGs a livello comunitario, lo studio suggerisce in particolare di disporre meccanismi di governance congiunti e multilivello tra l’Ue e gli Stati membri, utilizzando il dialogo interparlamentare e la collaborazione fra il Parlamento europeo e i parlamenti nazionali.
Poiché le istituzioni europee devono fare ancora molti passi in avanti per rispondere alle sfide della sostenibilità in modo soddisfacente, il documento propone di:

  • sviluppare una strategia di attuazione completa degli SDGs dopo il 2020;

  • integrare gli SDGs nei processi di monitoraggio economico e di bilancio dell’Ue;

  • accrescere l’uso di meccanismi di apprendimento a tutti i livelli di governance;

  • promuovere l’uso del programma di sostegno alle riforme strutturali dell’Ue (Srsp) per riformare le politiche e le istituzioni in linea con i contenuti dell’Agenda 2030.

Riguardo la crescita dei sistemi di politiche integrate per lo sviluppo sostenibile e le best practice, all’interno della relazione viene più volte citata ASviS: considerata tra gli stakeholder più partecipativi, indipendenti e attivi, viene inoltre nominata come esempio ottimale di rete di organizzazioni della società civile e come coalizione di alto livello per il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità.

Recentemente sono stati pubblicati altri documenti relativi all’implementazione degli SDGs a livello europeo, tra i quali in particolare il Reflection Paper della Commissione europea “Towards a Sustainable Europe by 2030”, in cui sono contenute le tre ipotesi condizionate del grado di integrazione dell’Unione.

 

Scarica lo studio

 

Di Cecilia Menichella

 

venerdì 22 febbraio 2019
#ASviS_Altre_News

Aderenti

Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile - ASviS
Via Farini 17, 00185 Roma C.F. 97893090585 P.IVA 14610671001

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale