per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

I Gruppi di lavoro

Lo strumento principale per le attività dell’Alleanza è rappresentato dai Gruppi di lavoro (Gdl) costituiti dagli oltre 220 aderenti; attualmente, ai diversi gruppi di lavoro sono iscritti oltre 300 esperti indicati dagli aderenti. I Gdl sono stati costituiti per mettere a confronto le opinioni degli esperti delle diverse organizzazioni impegnate sui temi specifici, consentendo l’elaborazione di proposte comuni e lo scambio delle migliori pratiche per far progredire l’Italia sul sentiero della sostenibilità.

Ciascun gruppo di lavoro prevede uno o più Coordinatori, cui si affianca un Referente del Segretariato ASviS. L’Alleanza ha costituito due tipi di gruppi di lavoro:

  • sui singoli Goal (14 gruppi di lavoro);
  • su tematiche “trasversali” (7 gruppi di lavoro).

Gruppi di lavoro per Goal

Per conoscere meglio i 17 SDGs e i contributi dei Gdl sugli specifici temi è possibile navigare sui rispettivi siti, accedendovi tramite il portale ASviS (http://www.asvis.it/). Ogni sito raccoglie la lista dei Target stabiliti dall’Onu, la descrizione dell’attuale posizione dell’Italia rispetto al raggiungimento dell’Obiettivo, notizie mirate, articoli di approfondimento redatti da esperti, eventi, documenti e informazioni sulla composizione dei gruppi di lavoro. Cliccando su “contatti” si possono richiedere informazioni o inviare messaggi e segnalazioni direttamente a ciascun gruppo. Per accedere a ciascun sito basta cliccare sul simbolo dell’Obiettivo che si intende esplorare nella fascia con i simboli dei Goal presente in home page. Per tornare alla home page è sufficiente cliccare sulla ruota colorata degli SDGs. I 17 siti sono regolarmente aggiornati e arricchiti di contenuti. In tal modo, il portale dell’ASviS si propone come piattaforma di riferimento per chi si interessa di sviluppo sostenibile in Italia e nel mondo.

Gruppi di lavoro trasversali

  1. Educazione allo sviluppo sostenibile

    L’educazione allo sviluppo sostenibile ha una funzione strategica nell’architettura complessiva dell’Agenda globale, anche per i risvolti operativi nelle attività che l’ASviS sta concretamente progettando. Da una parte, ASviS si adopererà affinché l’Italia, al pari di quanto già fatto da altri paesi Ue, si doti di una strategia nazionale di educazione alla cittadinanza globale, che non può prescindere dagli SDGs. Dall’altra, ASviS intende promuovere, anche attraverso un Protocollo di intesa firmato con il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (Miur), progetti educativi e formativi rivolti a tutte le componenti del mondo della scuola: studenti, insegnanti, famiglie. In questo contesto si collocano: il concorso nazionale per le scuole italiane sugli SDGs, dal titolo “Facciamo 17 Goal. Trasformare il nostro mondo: l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile”; il corso di e-learning fruibile on line della durata complessiva di 120 minuti circa che illustra l’Agenda 2030 e il sistema degli SDGs; la raccolta di materiali didattici prodotti dagli aderenti, organizzati per temi/Goal e messi a disposizione delle scuole; i partenariati con le istituzioni scolastiche, nella cornice del Programma Operativo Nazionale (Pon). Inoltre, ASviS intende accompagnare il processo messo in moto dal Piano nazionale per la formazione dei docenti elaborato dal Miur e reso pubblico ad ottobre 2016, in particolare per quanto concerne lo sviluppo delle competenze di cittadinanza globale. Considerato che sono pochi gli italiani che conoscono l’Agenda 2030 (la percentuale di chi è informato “poco” e “per niente” si attesta al 77%), il gruppo di lavoro trasversale che si occupa dell'educazione allo sviluppo sostenibile ha dato il via ad una prima raccolta, tra gli Aderenti ASviS, di materiali valorizzabili ai fini dell’educazione allo sviluppo sostenibile; il lavoro di catalogazione su quanto è stato ricevuto è disponibile qui. La volontà delle diverse entità che hanno prodotto questa documentazione è quella di metterla in rete e farla divenire patrimonio condiviso: non si tratta solo di elaborazioni teoriche, ma anche di strumenti concreti messi a frutto in iniziative di educazione e sensibilizzazione che hanno coinvolto centinaia di migliaia di cittadine e cittadini in ogni regione italiana.
     
  2. Advocacy

    L’attività di advocacy vuole favorire l’integrazione degli SDGs nelle strategie, programmi e piani innanzitutto dei propri Aderenti, identificando il ruolo e il contributo specifico da apportare per raggiungere gli obiettivi dell’Alleanza; vuole inoltre definire le modalità per integrare nelle attività istituzionali i principi dello sviluppo sostenibile, applicando le migliori pratiche già esistenti (riduzione dell’impatto ambientale, delle discriminazioni di genere, ecc.), anche attraverso il coinvolgimento della “catena dei fornitori”; valuta come promuovere campagne di informazione sui principi dello sviluppo sostenibile, degli SDGs e delle finalità dell’Alleanza, identificando azioni di stimolo nei confronti del Governo affinché sia predisposta e approvata una strategia nazionale di sviluppo sostenibile coerente con i principi dell’Agenda 2030 e degli SDGs.
     
  3. Indicatori

    Il gruppo di lavoro sugli indicatori statistici, utilizzando i dati messi a disposizione dall’Istat e da altre fonti autorevoli (es: Eurostat), ha costituito un insieme informativo (con disaggregazioni territoriali, di genere, ecc.) utilizzabile da tutti gli Aderenti all’ASviS e da altri utenti nella propria comunicazione istituzionale e nelle iniziative di advocacy. Il gruppo si occupa di gestire e tenere aggiornato il database di indicatori sulla situazione italiana rispetto agli SDGs, realizzato e diffuso in occasione del Rapporto ASviS 2017, nonché gli indicatori sintetici per ciascun Goal. Il gruppo opera in stretta connessione con i Gruppi che si occupano dei singoli Goal.

  4. Imprese per l’attuazione del “Patto di Milano”

    Il 1° giugno 2017, nel corso del primo Festival dello Sviluppo Sostenibile, diverse associazioni imprenditoriali hanno sottoscritto a Milano la dichiarazione congiunta “Le imprese italiane insieme per gli Obiettivi di sviluppo sostenibile", un impegno condiviso per informare le imprese sull’Agenda 2030 e promuovere l’innovazione e la finanza necessarie per orientare le strategie aziendali verso gli SDGs. Il gruppo di lavoro, costituito anche dalle associazioni imprenditoriali che hanno sottoscritto la dichiarazione in un secondo momento, nasce dall’esigenza di attuare concretamente quanto contenuto nel Patto di Milano, dalla promozione di percorsi informativi e formativi nelle organizzazioni e nelle imprese che fanno parte delle associazioni firmatarie alla realizzazione di iniziative orientate a promuovere l’Agenda 2030 a livello locale.

     
  5. Modelli per la valutazione delle politiche

    Il gruppo si occupa di valutare l’impatto delle politiche per gli SDGs. Nel Rapporto 2017 il gruppo ha presentato per la prima volta i risultati di alcuni esercizi modellistici realizzati dalla Fondazione Eni Enrico Mattei (Feem), aderente all’ASviS, per le previsioni e le simulazioni di politiche alternative per lo sviluppo sostenibile. I lavori del gruppo si svolgono in stretta connessione con il gruppo sugli indicatori e con quelli che si occupano dei singoli Goal.

  6. Cultura (di nuova formazione)
     
  7. Finanza sostenibile (di nuova formazione)

Coordinatori dei gruppi di lavoro per Goal

Coordinatori nei gruppi di lavoro trasversali

 

 

Aderenti

Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile - ASviS
Via Farini 17, 00185 Roma C.F. 97893090585 P.IVA 14610671001

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale