per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

News

Cresce la spesa in armi, a partire dai Paesi asiatici e dall'Arabia Saudita

08/05/2018

Secondo il Sipri, dopo anni di stabilità e decrescita, i bilanci militari sono nuovamente aumentati. Sale la spesa cinese e indiana, cala la Russia. I Paesi Nato nel 2017 hanno speso 900 miliardi di dollari, il 52% del totale.

Dopo 13 anni di decrescita, dal 1999 al 2011, e dopo una spesa stabile nel periodo 2012-2016, tornano a salire gli investimenti bellici durante lo scorso anno.

A sostenerlo è l’ultimo rapporto prodotto dal Sipri (Stockholm International Peace Research Institute) che ha analizzato i flussi finanziari destinati dai Paesi al settore delle armi.

Nel 2017, la spesa militare ha rappresentato il 2,2 % del Pil mondiale, una quota pari a 230 dollari pro-capite, per un totale di 1700 miliardi.

A trainare la risalita degli investimenti del settore, sostiene lo studio, soprattutto i Paesi asiatici e dell’Oceania, dove da ben 29 anni gli investimenti aumentano in modo costante. Attualmente è la Cina a possedere la seconda spesa globale in armamenti con il 13 % del totale (nel 2008 era pari al 5,8%), mentre l’India ha speso 63,9 miliardi di dollari nel 2017, il 5,5% in più rispetto al 2016.

Motivo da ricercare nelle tensioni che i Paesi asiatici vivono tra loro, soprattutto con gli Stati dirimpettai.

Per quanto riguarda la Russia, pur rimanendo prioritaria la modernizzazione del settore bellico, nel 2017 con 66,3 miliardi di dollari si registra un calo, il primo dal 1998, del 20% degli investimenti rispetto al 2016.

Diverso il trend europeo, spinto in parte dalla percezione di una minaccia russa. Sono infatti cresciuti gli investimenti dell’Europa centrale e occidentale rispettivamente del 12% e dell’1,7% nel corso dell’ultimo anno.

Guardando al Medio oriente, è l’Arabia Saudita ad aver investito maggiormente con un più 9,2% nel 2017, pari alla terza spesa in assoluto.

Primi, invece, rimangono gli Stati Uniti che nel 2017 hanno impegnato un flusso finanziario di 610 miliardi di dollari, in pratica lo stesso del 2016 ma con una previsione al rialzo per il 2018. Lontani gli anni di flessione degli investimenti iniziati nel 2010.

Infine, può essere interessante il dato relativo ai 29 Paesi membri della Nato: insieme hanno destinato al fronte bellico 900 miliardi di dollari nel 2017, il 52 % della spesa mondiale.

 

di Ivan Manzo

 

martedì 08 maggio 2018

Aderenti

Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile - ASviS
Via Farini 17, 00185 Roma C.F. 97893090585 P.IVA 14610671001

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale