Sviluppo sostenibile
Lo sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri bisogni senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i propri.

L'Agenda 2030 dell'Onu per lo sviluppo sostenibile
Il 25 settembre 2015, le Nazioni Unite hanno approvato l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, un piano di azione globale per le persone, il Pianeta e la prosperità.

Goal e Target: obiettivi e traguardi per il 2030
Ecco l'elenco dei 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals - SDGs) e dei 169 Target che li sostanziano, approvati dalle Nazioni Unite per i prossimi 15 anni.

Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile
Nata il 3 febbraio del 2016 per far crescere la consapevolezza dell’importanza dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e per mobilitare allo scopo di realizzare gli Obiettivi di sviluppo sostenibile.

I nostri Progetti per orientare verso uno sviluppo sostenibile

L'Asvis produce ogni anno un Rapporto sullo Sviluppo Sostenibile, un report sulla legge di bilancio ed altre pubblicazioni rilevanti.

Il Rapporto ASviS rappresenta la pubblicazione principale dell’Alleanza per il raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile in Italia. 

Contatti: Responsabile Comunicazione - Claudia Caputi

#AlleanzaAgisce

#AlleanzaAgisce: in Italia scarsa educazione finanziaria, ecco come migliorare

Un libro di fiabe per bambini, webinar gratuiti e il digitale al centro delle strategie che mirano ad accrescere le competenze che la scuola offre. I progetti di Ja Italia, Feduf e del Forum per la finanza sostenibile. 6/5/20


ACCEDI AL PORTALE DELLE INIZIATIVE DI ADERENTI E ASSOCIATI ASVIS
Scoprirai tutti i progetti per aiutare l'Italia a superare la crisi



Puntare su una continua formazione verso quei temi in grado di donare benefici, come una sana educazione finanziaria, è fondamentale, soprattutto in un mondo costretto ad affrontare shock economici e sociali sempre più frequenti. E la pandemia in corso ne è un chiaro esempio.

Secondo un recente studio di Standard and poor’s, l’Italia presenta uno dei livelli più bassi di alfabetizzazione finanziaria in Europa e tra i Paesi industrializzati dell’Ocse. Solo il 37% della popolazione adulta, infatti, possiede nozioni sufficienti. Per questo motivo Junior achievement Italia (Ja Italia), nell’ambito del programma “Crescere che impresa!”, oltre a proporre lezioni in aula composte da quattro incontri della durata di due ore ciascuno per la formazione su questi temi, mette a disposizione le “Family activities”, delle attività da svolgere a casa con la famiglia che ripropongono situazioni che ci si trova ad affrontare nel mondo reale. Inoltre l’organizzazione ha aderito al progetto “Solidarietà digitale” del ministero per l'Innovazione tecnologica e la digitalizzazione e ha lanciato il Manifesto delle competenze trasversali: iniziativa che in cinque punti definisce le azioni da mettere in campo per una scuola italiana capace di fornire le basi dell’educazione imprenditoriale e finanziaria.

“Il digitale rappresenta per noi da sempre una risorsa per amplificare la portata e l’efficacia delle iniziative scolastiche, offrendo approcci più stimolanti e strumenti utili non solo al fine di un migliore apprendimento, ma anche in ottica delle professioni di domani, che sempre più richiederanno competenze digitali”, dichiara Antonio Perdichizzi, presidente di Junior achievement Italia. “Il nostro obiettivo è quello di trasmettere ai ragazzi competenze trasversali, indispensabili, oggi più che mai, per aiutarli a orientarsi e proseguire nel loro percorso scolastico e lavorativo. Riteniamo che l’importanza di tali attività debba essere riconosciuta e portata avanti insieme da tutti i soggetti e debba rientrare tra i temi principali dell’Agenda Politica”.

Sempre sull’educazione finanziaria, il Forum per la finanza sostenibile propone un ciclo di webinar incentrati sulla ripresa economica a seguito dell’emergenza sanitaria. Gli appuntamenti, tra aprile e maggio, rappresentano uno spazio di confronto sugli investimenti sostenibili che possono contribuire a costruire nuovi modelli di crescita più verdi e inclusivi, contenendo così i rischi ambientali e sociali alla base delle crisi recenti e future.

"Questi appuntamenti aprono uno spazio di confronto sugli strumenti e sulle strategie con cui gli investitori sostenibili e responsabili possono essere attori chiave per rilanciare la crescita economica”, afferma Francesco Bicciato, Segretario generale del Forum per la finanza sostenibile, “La crisi che stiamo vivendo, infatti, testimonia la dirompenza con cui le dinamiche socio-ambientali possono abbattersi sull’economia. Come dimostrato da numerosi studi, la finanza sostenibile permette di contenere queste minacce e di finanziare modelli di crescita più verdi e inclusivi. Questi vantaggi sono resi possibili grazie all’integrazione della sostenibilità e di un orizzonte di lungo periodo negli investimenti".

Inoltre il Forum ha realizzato un video per spiegare che cosa si intende per investimento sostenibile e responsabile e un portale dedicato all'educazione finanziaria per risparmiatori e consulenti finanziari.

Fiabe e denaro” è invece il libro rivolto a bambini di età tra i 5 e i 10 anni, ai loro insegnanti, ai genitori e ai nonni, ideato dall’associazione Fareconomia, realizzato dalla Feduf (la Fondazione per l’educazione finanziaria e al risparmio nata su iniziativa dell’Abi) e curato dalla professoressa Emanuela Rinaldi. Nel volume,  disponibile anche gratuitamente per tutti in formato e-book, insegnanti e famiglie troveranno nove fiabe illustrate, corredate da altrettante schede didattiche, con attività educative da svolgere a casa.

“L’educazione finanziaria è un elemento cruciale della cittadinanza attiva, essendo la finanza stessa un servizio basilare per ogni individuo che tuttavia, in assenza di informazione e consapevolezza, può restarne ai margini”, dichiara Giovanna Boggio Robutti, dirigente di Feduf, che spiega anche una nuova iniziativa dal nome SmartTalk: “Oggi è smart tutto ciò che è reso più comodo e veloce grazie alla tecnologia, ma la parola inglese smart significa in prima istanza intelligente, brillante. È nato così SmartTalk, il nuovo format di Feduf, elaborato insieme ai divulgatori di Taxi1729, con l’obiettivo di portare direttamente nelle case degli italiani competenze economiche e finanziarie attraverso i meccanismi della finanza comportamentale. Con una originale e divertente riflessione sulle paure, gli automatismi e i comportamenti che guidano le nostre scelte, si aiutano così tante persone a non cadere nelle trappole che la nostra mente ci tende, evitando di compiere errori che possono mettere a rischio il nostro futuro economico”.


di Ivan Manzo

Mercoledì 06 Maggio 2020
#goal8 #goal12 #AlleanzaAgisce

Aderenti