per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

Best practice sul Goal 11

Vertenza urbana

di Laura Mariani, Cgil
10 ottobre 2019

La Cgil ha avviato un progetto in collaborazione con Spi Cgil, Fillea e Sunia, con l’obiettivo di declinare, a livello territoriale, alcuni obiettivi nell'ambito di un programma di lavoro sulla sostenibilità urbana, tenendo insieme: riqualificazione del patrimonio edilizio, a partire da complessi Erp, contenimento dei consumi energetici, aumento dell’offerta abitativa a costi sostenibili, miglioramento della qualità urbana e del benessere sociale, attraverso operazioni che rappresentano un'opportunità di attrazione di investimenti e lavoro.

Con l'idea iniziale di partire dalle agevolazioni fiscali per spese relative a interventi di ristrutturazione, riqualificazione energetica e adeguamento sismico, estese agli ex Iacp, la Cgil si è fatta portatrice di una Vertenza urbana, individuando quattro realtà a Milano, Roma, Bari e Catania, dove intervenire con specifiche vertenze locali, mettendo insieme istituzioni territoriali, istituti autonomi ex Iacp, Università e Professioni, imprese edili, sistema bancario e rappresentanze degli inquilini, in un percorso partecipativo con i cittadini, con contrattazione sociale e inclusiva nei territori, individuando le risorse da poter utilizzare.

Questo nell'ottica di sviluppare contrattazione territoriale per lo sviluppo di citta sostenibili, in linea con il Piano del Lavoro della Cgil e con la Piattaforma per lo Sviluppo Sostenibile da noi proposta. Pensiamo che ci sia bisogno di un disegno strategico per le Città che metta in moto tutte le forze necessarie per invertire una tendenza oggi negativa, proponendo un nuovo modello di sviluppo, sostenuto da una domanda pubblica orientata a territorio, ambiente, inclusione sociale, con un programma di lungo respiro. E riteniamo che proposte e interventi integrati tra operatori, istituzioni locali, organizzazioni sindacali e altri attori delle trasformazioni urbane posano agire in modo più efficace ed efficiente nelle scelte che riguardano la dimensione urbana.

Nelle realtà individuate sono state predisposte (Milano), o si stanno predisponendo (Roma, Bari, Catania), piattaforme locali di contrattazione.


La best practice presentata nell'articolo fa parte dell'insieme di pubblicazioni inserite nel "Primo Report di aggiornamento dell'Agenda urbana per lo sviluppo sostenibile" del Gruppo di lavoro 11 dell'ASviS e di Urban@it. 

Aderenti

Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile - ASviS
Via Farini 17, 00185 Roma C.F. 97893090585 P.IVA 14610671001

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale