per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

LOTTA CONTRO IL CAMBIAMENTO CLIMATICO

Adottare misure urgenti per combattere il cambiamento climatico e le sue conseguenze

La concentrazione media globale di CO2 in atmosfera ha raggiunto nel 2022 nuovi livelli record, pari a 415,8 ppm (parti per milione). Dopo il crollo delle emissioni per la pandemia (-8,9%) nel 2020, le emissioni in Italia sono aumentate nel 2021 del 4,8%.

Fairtrade lancia la prima Mappa globale dei rischi sui diritti umani e ambientali

L’iniziativa intende supportare tutti gli attori nella catena del valore nelle loro valutazioni del rischio, promuovendo una maggiore sostenibilità nelle filiere globali. Discriminazioni e ambiente le aree critiche per l’Italia.  8/2/23

Una corretta valutazione del rischio semplifica il lavoro sui diritti umani e sull’ambiente poiché, quando si conoscono i problemi principali, i partner della catena di approvvigionamento possono concentrarsi sulla prevenzione, la mitigazione e il rimedio.

Sulla base di queste considerazioni è nata la Mappa dei rischi presentata da Fairtrade International il 25 gennaio, che identifica e visualizza i rischi più importanti sul fronte dei diritti umani e ambientali. In questo modo, chiunque può individuare le criticità più significative per le comunità e le catene di approvvigionamento di interesse, implementare le responsabilità in merito alla due diligence e, soprattutto, prevenire e mitigare i danni e i rischi. 

Lo strumento è volto a incoraggiare una comunicazione trasparente tra i partecipanti delle filiere e aiutare le aziende a trovare soluzioni efficaci per affrontare i rischi più significativi per le comunità e l'ambiente lungo le loro catene di approvvigionamento. Un supporto ulteriormente utile se si considera che le aziende europee devono sottostare a crescenti obblighi di legge nella compilazione della valutazione dei rischi.


LEGGI ANCHE - FACCIAMO IL PUNTO SULLA PROPOSTA DI DIRETTIVA SUL DOVERE DI DILIGENZA DELLE IMPRESE


Le filiere e i Paesi analizzati. Al momento la Mappa dei rischi copre le filiere di caffè, cacao, banane, uva e miele, ma nei prossimi mesi saranno aggiunti molti altri prodotti: le informazioni in essa contenute rientrano infatti nel lavoro di monitoraggio e valutazione del rischio che Fairtrade porta avanti lungo le sue filiere e vengono regolarmente aggiornate.

Il lavoro di ricognizione e analisi comprende tutti i 129 Paesi in cui opera Fairtrade e si basa su 26 indicatori chiave che riguardano questioni relative a diritti umani e ambientali.  La mappa prende in esame anche l’Italia individuando, come rischi principali, discriminazioni, cambiamento climatico, acqua e biodiversità.

I nove rischi principali. Molti dei rischi trovano radici profonde nella povertà, nella disuguaglianza e nello sfruttamento e si rende necessario uno sforzo congiunto di aziende, contadini, lavoratori, governi e società civile per affrontarli in modo efficace nel lungo periodo. Questo è anche il motivo per cui  Fairtrade auspica che la certificazione non sia l’unico strumento utilizzato da un’azienda per prevenire, mitigare e rimediare ai più importanti rischi nella sua filiera.

L’elenco dei nove rischi principali stilato da Fairtrade si basa sulla gravità e la prevalenza degli impatti sulle persone e sull'ambiente, considerando i fattori di rischio legati alle materie prime, geografici e organizzativi: reddito di sussistenza; salario; acqua e biodiversità; diritti dell'infanzia; cambiamenti climatici e deforestazione; non discriminazione; lavoro forzato; diritti di genere; diritti e condizioni del lavoro.

In base ai dati raccolti a livello globale, ad esempio, un occupato su cinque vive in povertà;160 milioni di bambini – il 70% dei quali nel settore agricolo – svolgono lavori che danneggiano la loro salute o interrompono la scuola; l'agricoltura è responsabile del 70% del consumo di acqua dolce nel mondo.

I tre messaggi chiave della Mappa. L’iniziativa offre tre messaggi chiave per il lavoro di due diligence di rivenditori, marchi, produttori e commercianti:

  • considerare tutti i diritti umani: la valutazione del rischio deve coprire tutti i diritti umani, poiché i diversi rischi sono fortemente correlati. Ad esempio, la povertà è spesso un fattore chiave del lavoro minorile. Ciò segue le linee guida delle Nazioni Unite e dell'Ocse;
  • analizzare le cause alla radice: le valutazioni del rischio devono includere un'analisi delle cause principali e una valutazione del modello di business, delle politiche e delle pratiche dell'azienda, perché gli attori della catena di approvvigionamento si affidano l'uno all'altro. Ad esempio, le pratiche tariffarie a valle spesso alimentano la povertà, il lavoro minorile e altre pratiche non sostenibili all'inizio della catena di approvvigionamento;
  • impegnarsi in un dialogo significativo con le parti interessate: una valutazione del rischio credibile si basa fortemente su statistiche e ricerche indipendenti, ma anche su un impegno significativo con le parti interessate e potenzialmente interessate, secondo le linee guida dell'Ocse.

Consulta la Mappa dei rischi

Scopri anche il Quaderno "Imprese e sostenibilità: il cammino verso il dovere di diligenza"

 

di Monica Sozzi

 

Fonte copertina: helenap2014, da 123rf.com

Mercoledì 08 Febbraio 2023

Aderenti

Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile - ASviS
Via Farini 17, 00185 Roma C.F. 97893090585 P.IVA 14610671001

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale