per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

PACE, GIUSTIZIA E ISTITUZIONI SOLIDE

Promuovere società pacifiche e più inclusive per uno sviluppo sostenibile; offrire l'accesso alla giustizia per tutti e creare organismi efficienti, responsabili e inclusivi a tutti i livelli

La percentuale mondiale di persone detenute senza essere condannate per un crimine è rimasta pressoché invariata nell'ultimo decennio: dal 32% nel 2003-2005 al 31% nel 2014-2016. In Italia, rimane molto elevata la durata media per l’espletamento dei procedimenti civili dei tribunali ordinari (445 giorni di media nel 2017).

Sondaggio Ocse: la maggior parte dei cittadini è scontenta della classe politica

Nei Paesi industrializzati cresce la sfiducia della popolazione nei confronti della politica, accusata di essere distante dalla gente comune e di impostare una politica di bilancio troppo a favore dei ricchi. 22/3/2019

Per ammissione della stessa Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse), è stato "un sondaggio preoccupante". Oltre il 60% delle 22mila persone intervistate, appartenenti a 21 diversi Paesi, ha rivelato di essere abbastanza insoddisfatto delle politiche di bilancio messe in piedi dai vari governi, troppo ingiuste nei confronti dei meno abbienti.
 I risultati del sondaggio, raccolti nel documento "Risks That Matter" pubblicato dall'Ocse il 19 marzo, raccontano di un popolo che vive nei Paesi industrializzati scontento, dove la sensazione di un disparità di trattamento è forte tra i cittadini. Il rapporto esamina le percezioni delle persone sui rischi sociali ed economici e valuta quanto queste ritengano che il governo reagisca alle loro preoccupazioni.

La maggioranza del campione analizzato chiede con forza sia politiche a sostegno della povertà che maggiori tasse sui ricchi, in modo da ridistribuire le ricchezze accumulate negli ultimi decenni.
 Inoltre, solo una persona su cinque pensa che, nel caso dovesse attraversare un periodo difficile sul piano finanziario, ad esempio per affrontare i costi legati alle condizioni di salute, sarebbe facilmente in grado di accedere ai sussidi messi a disposizione dallo Stato. 

Ángel Gurría, segretario generale dell'Ocse, commentando i risultati del sondaggio ha affermato: "Questo è un campanello d'allarme per i responsabili politici. Troppe persone sentono di non poter contare pienamente sul proprio governo quando hanno bisogno di aiuto".
 Serve "una migliore comprensione dei fattori alla base di questa percezione e del motivo per cui le persone si sentono in difficoltà", ha poi aggiunto Gurría, "dobbiamo ripristinare la fiducia nei governi promuovendo uguaglianza e pari opportunità".

Secondo il sondaggio quasi l'80% delle persone che vivono in Portogallo e Grecia si aspetta tasse più alte per i ricchi, quota che scende al 50% se parliamo degli Stati Uniti. Inoltre, quasi la metà degli americani sarebbe disposta ad accettare un'ulteriore imposta sul reddito del 2% se utilizzata per una migliore assistenza sanitaria; mentre un terzo sarebbe disposto a pagare la stessa quota in più in cambio di una migliore istruzione statale.

Anche gli italiani rivelano la propria insoddisfazione per le politiche messe in piedi dai diversi governi che si sono susseguiti negli ultimi anni. La maggior parte degli interpellati, circa l'80%, ha infatti chiesto misure a tutela del proprio benessere economico e sociale, mentre il 56% ha ammesso che "non arrivare a fine mese" è la preoccupazione più grande che possiede.

In Francia, Grecia, Israele, Lituania, Portogallo e Slovenia, il 70% ha dichiarato di sentirsi trascurato dai propri leader.
 In sostanza, l'Ocse registra un diffuso malcontento e una forte sfiducia da parte dei cittadini nei confronti delle istituzioni, accusate di essere poco attente nel valutare le richieste che arrivano dal basso. Scopo del rapporto, dunque, è fornire un avvertimento alla classe dirigente di tutto il mondo, chiamata adesso a ricucire lo strappo con la popolazione. 


di Ivan Manzo

venerdì 22 marzo 2019
#ASviS_Altre_News #goal16

Aderenti

Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile - ASviS
Via Farini 17, 00185 Roma C.F. 97893090585 P.IVA 14610671001

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale