per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

PACE, GIUSTIZIA E ISTITUZIONI SOLIDE

Promuovere società pacifiche e più inclusive per uno sviluppo sostenibile; offrire l'accesso alla giustizia per tutti e creare organismi efficienti, responsabili e inclusivi a tutti i livelli

La percentuale mondiale di persone detenute senza essere condannate per un crimine è rimasta pressoché invariata nell'ultimo decennio: dal 32% nel 2003-2005 al 31% nel 2014-2016. In Italia, rimane molto elevata la durata media per l’espletamento dei procedimenti civili dei tribunali ordinari (445 giorni di media nel 2017).

Global Peace Index, c’è più pace nel mondo, per la prima volta in cinque anni

Secondo il rapporto annuale dell’Institute for Economics and Peace i conflitti sono in lieve diminuzione, ma il livello complessivo rimane peggiore rispetto al 2008. Male soprattutto l’America, meglio Eurasia e Nord-Africa. 17/6/2019

C’è più pace nel mondo rispetto a un anno fa. È quanto emerge dal Global Peace Index 2019, realizzato dall’Institute for Economics and Peace che attraverso 23 dimensioni quantitative e qualitative copre il 99,7% della popolazione mondiale. Il miglioramento è molto lieve, +0.09%, ma è il primo dato positivo dopo cinque anni di calo dell’indice. Secondo il rapporto, infatti, i conflitti sviluppatisi negli ultimi decenni sono in diminuzione più di quanto stiano emergendo nuovi conflitti tra stati e all’interno di essi.

Tuttavia se si prende in analisi un arco temporale più ampio, la diffusione della pace nel mondo è un obiettivo ancora lontano. Dal 2008 a oggi, infatti, il Gpi è in calo del 3,18% con decrementi in 8 degli ultimi 12 anni. Secondo il rapporto, le cause principali di questa tendenza sono l’aumento dei conflitti interni e la diffusione del terrorismo. In 104 Paesi, infatti, si è registrato un aumento delle attività terroristiche e dal 2006 al 2017 il numero totale di conflitti è aumentato del 140%. Confortanti sono invece i dati relativi alla militarizzazione: in 98 tra 161 Paesi considerati sono diminuite le spese militari mentre il personale militare è diminuito in 117 paesi.

Poco cambia rispetto all’ultimo rapporto nelle differenze tra i paesi sulla diffusione della pace. I cinque stati più pacifici sono ancora l’Islanda (in testa dal 2008), la Nuova Zelanda, l’Austria, il Portogallo e la Danimarca. Si registra qualche variazione, invece, in fondo alla classifica: all’ultimo posto c’è l’Afghanistan superato dalla Siria. Subito sopra Sud Sudan, Yemen e Iraq. L’Italia rimane stabile al 39° posto, indietro rispetto a molti Paesi europei ma davanti a Regno Unito e Francia.

Oltre al confronto tra Paesi, il rapporto analizza la diffusione della pace anche per macro-aree dividendo il mondo in nove regioni. Nell’ultimo anno è stato registrato un peggioramento in tre regioni: Centro-America, Sud-America e Nord-America.  Le cause di questo trend vanno ricercate nell’instabilità politica e istituzionale di paesi come Nicaragua e Venezuela, ma anche nelle forti polarizzazioni politiche in Stati Uniti e Brasile. La situazione è invece migliorata nelle regioni dell’Eurasia, della Russia, del Nord-Africa e del Medio-Oriente. In queste aree è diminuito il numero di morti nei conflitti grazie soprattutto al calo della violenza in Ucraina e in Siria.

Infine il rapporto si sofferma sulla sempre più attuale questione dei cambiamenti climatici, considerati una causa indiretta della probabilità di aumento di violenza e conflitti. Il clima ha un impatto sempre più influente sulla distribuzione delle risorse e dei mezzi di sussistenza, sulla sicurezza e sull’immigrazione. I Paesi con alti livelli di pace appaiono più attrezzati nel governare questi cambiamenti e tendono ad avere risultati migliori nelle performance ambientali. Secondo l’Institute for Economics and Peace per vincere queste sfide è necessaria quindi una maggiore collaborazione tra i Paesi e all’interno di essi.

 

di Alessandro Sarcinelli

lunedì 17 giugno 2019
#goal16 #ASviS_Altre_News

Aderenti

Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile - ASviS
Via Farini 17, 00185 Roma C.F. 97893090585 P.IVA 14610671001

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale