per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

SALUTE E BENESSERE

Assicurare la salute e il benessere per tutti e per tutte le età

In Italia, gli infermieri sono 5,49 per mille abitanti, contro un valore medio del 9,42 per mille di Francia, Germania, Gran Bretagna e Spagna. Inoltre, si registra un incremento delle patologie dell’area psichiatrica e psicologica, tra le criticità accentuate dalla pandemia in Italia, che è nell’ordine del 25-30%. 

 

Guterres: allarme sulle campagne di disinformazione che ostacolano la transizione

Il Segretario generale dell’Onu Antònio Guterres a Davos: caos climatico e AI “senza guardrail” costituiscono rischi esistenziali. Combattere i “livelli osceni” delle diseguaglianze, superare i conflitti e ricostruire la fiducia.  23/1/24

martedì 23 gennaio 2024
Tempo di lettura: min

Il Segretario generale dell’Onu Antònio Guterres, durante il suo discorso al World economic forum (Wef), ha evidenziato che “il 2023 è stato l'anno più caldo mai registrato, ma potrebbe essere uno degli anni più freddi del futuro”. Inoltre, ha aggiunto: "L'industria dei combustibili fossili ha appena lanciato un'altra campagna multimilionaria per ostacolare il progresso e mantenere il petrolio e il gas in circolazione a tempo indeterminato […]. Voglio essere molto chiaro: l'abbandono dei combustibili fossili è essenziale e inevitabile. Nessun tipo di tattica o di propaganda cambierà questo fatto. Speriamo che non si arrivi a una soluzione troppo tardi”.

Il collegamento tra questa denuncia e la disinformazione, considerata il pericolo numero uno per l’economia a breve termine dal Global risk report del Wef, è diretto. Particolarmente significativo è il fatto che, come ha indicato il Wef, nei prossimi due anni andranno alle elezioni tre miliardi di persone sul pianeta, inclusa l’Unione europea e gli Stati Uniti nel 2024. La disinformazione mina di fatto alle basi il buon funzionamento della democrazia, divide e polarizza forze sociali e Paesi tra loro, rendendo in pratica impossibile rispondere all’urgenza delle sfide comuni globali che abbiamo di fronte a noi. Questo non è un tema nuovo all’attenzione del Segretario Generale dell’Onu, che ha dedicato per l’appunto uno degli undici policy brief per il vertice sul futuro all’integrità delle informazioni sulle piattaforme digitali.

World economic forum: disinformazione e clima i principali rischi globali

Le maggiori minacce per il prossimo decennio sono ambientali, mentre nel breve periodo preoccupano soprattutto fake news e polarizzazione sociale. Il Global risk report 2024 approfondisce anche i problemi legati a conflitti e IA.  12/1/24

Il Segretario ha proseguito il suo discorso richiamando l’attenzione sul nuovo rapporto Oxfam sulle diseguaglianze: La disuguaglianza e l'ingiustizia stanno raggiungendo livelli osceni un serio ostacolo allo sviluppo sostenibile. Oxfam riferisce che i cinque uomini più ricchi del mondo hanno più che raddoppiato le loro fortune dal 2020 al ritmo di 14 milioni di dollari all'ora. Allo stesso tempo, più della medel mondo, quasi cinque miliardi di persone, sono diventate più povere”.

Oxfam: ai ritmi attuali, necessari 230 anni per porre fine alla povertà

I miliardari raddoppiano la ricchezza, generando un “livello di disuguaglianze osceno”. Oxfam presenta a Davos un Rapporto per limitare il ruolo delle imprese, rivitalizzando quello dello Stato. [Da FUTURAnetwork.eu]. 18/1/24

Nei passaggi chiave del discorso, il Segretario ha dichiarato che lo sviluppo incontrollato dell’intelligenza artificiale “senza guardrail” costituisce una “minaccia esistenziale” per l’umanità, in aggiunta al caos climatico: “Questa tecnologia ha un enorme potenziale per lo sviluppo sostenibile – ma il Fondo monetario internazionale ha appena avvertito che è molto probabile che peggiori le diseguaglianze. Potenti aziende tecnologiche stanno già perseguendo i profitti con uno sconsiderato disprezzo per i diritti umani, la privacy personale e l'impatto sociale”.

Anche su questo tema evidenzia che non abbiamo ancora una strategia globale di risposta sull’AI. Le misure di risposta sono comunque elencate nel policy brief sul Patto digitale globale e trattate da commissioni di esperti incaricate dall’Onu, tutte tematiche da discutere in vista del Vertice sul futuro di settembre 2024.

Come ha evidenziato il Segretario Guterres, nell’attuale contesto storico il punto chiave di criticità è rappresento dal fatto che “le divisioni geopolitiche ci impediscono di unirci per trovare soluzioni globali” e che “non c'è da stupirsi che ovunque la gente perda fiducia nei governi, nelle istituzioni e nei sistemi finanziari ed economici”.

Sui conflitti in atto ribadisce le sue posizioni: cessate il fuoco immediato a Gaza e trattative per una soluzione con due Stati, Israele e Palestina. Pace giusta in Ucraina nel rispetto della Carta delle Nazioni unite e del diritto internazionale.

Nelle conclusioni, il Segretario generale ha lanciato un messaggio di speranza: “Ricostruire la fiducia non avverrà da un giorno all'altro, ma sono convinto che sia essenziale e possibile”.

E accennando in breve alle riforme proposte in vista del Vertice sul futuro, tra cui la riforma del Consiglio di sicurezza dell’Onu e delle istituzioni finanziarie globali (sistema di Bretton Woods) concordate ottant’anni fa, ne evidenza in sintesi la necessità, poiché è “impossibile costruire un futuro per i nostri nipoti con un sistema costruito per i nostri nonni”.

 

di Luigi Di Marco

 

Fonte copertina: palinchak, da 123rf.com

Aderenti

Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile - ASviS
Via Farini 17, 00185 Roma C.F. 97893090585 P.IVA 14610671001

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale