per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

ISTRUZIONE DI QUALITA'

Assicurare un’istruzione di qualità, equa ed inclusiva, e promuovere opportunità di apprendimento permanente per tutti

Nel mondo sono 750 milioni gli adulti analfabeti, due terzi dei quali sono donne. In Italia permangono forti disuguaglianze tra le regioni, dovute al divario del Mezzogiorno rispetto alla media nazionale, evidente per la quota di laureati tra i 30-34 anni (21,6% nel Mezzogiorno, rispetto alla media nazionale del 26,9%) e per l'uscita precoce dal sistema di formazione che si attesta al 18,5% rispetto alla media italiana del 14%.

Alta sostenibilità: la ripresa della scuola, tra criticità e nuove sfide

Dall’educazione civica agli investimenti necessari per non lasciare indietro nessuno. Questo il tema della rubrica ASviS su Radio Radicale condotta da Manieri e Viettone, con gli ospiti Fioramonti (deputato), Fiorin (Lumsa), Milano (Save the children). [AUDIO]7/9/20

Sono tante le sfide che attendono il mondo della scuola alla sua riapertura dopo i mesi di blocco delle lezioni in presenza imposti dalle misure di contenimento del virus. Configuratosi come uno dei settori che più fortemente ha risentito del lockdown, già da prima della pandemia però il sistema scolastico era alle prese con una serie di nuove sfide a cui rispondere: essere più sostenibile, più inclusivo, più improntato alla ricerca.

Va in questo senso le legge che prevede l’inserimento nei programmi scolastici dell’educazione civica e con essa del concetto di “cittadinanza sostenibile”, voluta dall’ex ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti. Tante le riflessioni e le proposte per una ripresa all’insegna della resilienza arrivate anche dalla società civile e dalla organizzazioni impegnate nella tutela dell’infanzia, da quelle avanzate dalla Rete educAzioni (network di alleanze del civismo attivo, del terzo settore e del sindacato a cui aderisce anche l’ASviS) a quelle di Save the children e a quelle contenute nel progetto di Tuttoscuola “La scuola che sogniamo”. A legarle è l’obiettivo di fare della scuola una comunità aperta capace di investire sui bambini e sugli adolescenti guardando al futuro. I fondi messi a disposizione dall’Unione europea con il Next Generation fund potrebbero certamente costituire una leva utile per un intervento complessivo sul sistema educativo.

Quali proposte si configurano come prioritarie? Quali misure per rispondere a una ripartenza in sicurezza e inclusiva per costruire oggi la scuola di domani?

Ne hanno discusso a Radio Radicale, nella rubrica Alta sostenibilità a cura di ASviS condotta questa settimana da Valeria Manieri e Ruggero Po, gli ospiti Lorenzo Fioramonti, deputato, gruppo misto, già ministro dell'Istruzione, dell'università e della ricerca, Italo Fiorin, presidente della Scuola di alta formazione “Educare all'incontro e alla solidarietà” (Eis) dell'università Lumsa di Roma, dove insegna Pedagogia sociale, e Raffaela Milano, direttrice dei programmi Italia-Europa di Save the children.

ASCOLTA L'ULTIMA PUNTATA - Alta sostenibilità: la ripresa della scuola, tra criticità e nuove sfide 

 

Lorenzo Fioramonti, deputato, gruppo misto, già ministro dell'Istruzione

 

 

 

Italo Fiorin, presidente della Scuola di alta formazione Eis dell'università Lumsa di Roma

 

 

Raffaela Milano, direttrice dei programmi Italia-Europa di Save the children

 

 

Vai all'archivio delle puntate di Alta sostenibilità, la trasmissione di ASviS a cura di Valeria Manieri ed Elis Viettone, in onda il lunedì dalle 12:30 alle 13:00 su Radio Radicale.

 

Lunedì 07 Settembre 2020
#goal4

Aderenti

Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile - ASviS
Via Farini 17, 00185 Roma C.F. 97893090585 P.IVA 14610671001

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale