per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

ISTRUZIONE DI QUALITA'

Assicurare un’istruzione di qualità, equa ed inclusiva, e promuovere opportunità di apprendimento permanente per tutti

Nel mondo sono 750 milioni gli adulti analfabeti, due terzi dei quali sono donne. In Italia permangono forti disuguaglianze tra le regioni, dovute al divario del Mezzogiorno rispetto alla media nazionale, evidente per la quota di laureati tra i 30-34 anni (21,6% nel Mezzogiorno, rispetto alla media nazionale del 26,9%) e per l'uscita precoce dal sistema di formazione che si attesta al 18,5% rispetto alla media italiana del 14%.

Obiettivo Mondo: la sostenibilità promossa da Rai Premium, Rai4 e Rai Movie

Al via la programmazione di intrattenimento televisivo sull’Agenda 2030, che per sei mesi diffonderà la cultura dello sviluppo sostenibile. Film, fiction e documentari su temi quali donne, povertà, clima, lavoro. L'ASviS è partner dell'iniziativa. 16/03/21

 

 

I 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) dell’Agenda 2030 delle Nazioni unite riguardano le sfide globali considerate cruciali per la sopravvivenza dell’umanità. 17 punti, universali e indivisibili, con un unico grande obiettivo: il mondo.
Obiettivo Mondo è l’iniziativa italiana di Rai Premium, Rai4 e Rai Movie, in collaborazione con l’ASviS, volta a sensibilizzare e mobilitare cittadini, giovani generazioni, imprese, associazioni e istituzioni sui temi della sostenibilità economica, sociale e ambientale; una staffetta di programmazione della durata di sei mesi, tra film, fiction e documentari, dedicata all’Agenda globale.

La finalità del progetto è divulgare gli Obiettivi di sviluppo sostenibile attraverso una moltitudine di linguaggi nuovi, classici e sperimentali, per sensibilizzare il pubblico con l’intrattenimento. Generi e format diversi per introdurre gli spettatori a tutte quelle tematiche per cui è prioritario e urgente creare oggi una coscienza comune e incoraggiare un impegno diffuso per un futuro sostenibile, sul piano ambientale, economico e sociale.
Una sensibilizzazione del pubblico, attraverso il mezzo di comunicazione di massa più tradizionale e solido, la televisione, che incoraggi i cittadini ad assumere il ruolo di protagonisti del cambiamento e diventare agenti della sostenibilità. . Attraverso immagini, approfondimenti, esperienze ed eventi, infatti, gli spettatori avranno l’occasione di riflettere sulle proprie azioni e valutare il proprio attuale, e futuro, impatto sociale, culturale, economico e ambientale. In una prospettiva sia locale, sia globale.
L’idea parte dal presupposto che i cittadini possono diventare cittadini della sostenibilità solo se hanno modo di acquisire e possedere alcune competenze chiave che permettano loro di impegnarsi costruttivamente e responsabilmente nel mondo. Le competenze includono elementi cognitivi, affettivi, intenzionali e motivazionali; queste non possono essere imposte o inculcate, ma devono essere sviluppate sulla base dell’esperienza e della riflessione (Unesco, 2015; Weinert, 2001).
La programmazione dedicata al progetto si articolerà nell’arco di circa sei mesi e sarà segnalata su tutti e tre i canali grazie al banner grafico “Obiettivo Mondo”.

Rai Premium, capo staffetta, tratterà le tematiche che per indole già le appartengono: parità di genere, ma anche povertà, fame e benessere. Rai4 offrirà spunti per invitare a riflettere sul futuro della vita sulla terra, la preziosità dell’acqua, le diseguaglianze sociali e il clima. Rai Movie punterà la sua attenzione sui temi della pace e della giustizia sfruttando una virtuosa contaminazione tra cinematografia nazionale ed internazionale.
Istruzione, energia, clima, disoccupazione, inclusione, povertà, bullismo, tra le tematiche affrontate dalla programmazione. Gli appuntamenti prenderanno in considerazione di volta in volta diversi bisogni sociali, quali l’educazione (Goal 4), la salute (Goal 3), le donne (Goal 5), il mondo del lavoro (Goal 8), affrontando, nel contempo, il cambiamento climatico (Goal 13) e la protezione ambientale (Goal 15). Saranno inoltre affrontati in modo più o meno diretto gli ostacoli sistemici per lo sviluppo sostenibile, come la disuguaglianza, i modelli insostenibili di consumo, la debole capacità istituzionale e la degradazione ambientale.
Il percorso sarà affiancato da iniziative ad hoc nelle giornate di interesse nazionale o da iniziative di divulgazione come “Prepararsi al futuro”, un programma in prima visione assoluta realizzato dalla Direzione Rai per il Sociale con Piero Angela, già in onda su Rai Premium il giovedì in seconda serata.

Da febbraio a giugno Rai Premium trasmetterà tra gli altri i documentari in prima visione “Wasted”, per la giornata nazionale contro lo spreco alimentare, e “Future fashion”, per le tematiche riguardanti i modelli sostenibili per le imprese; Rai4, ad esempio, affiancherà a film come “After earth” e “Blade Runner 2049” documentari, sempre in prima visione tv, come “Two degrees - The point of no return” per l’argomento proteggere la vita sulla terra e “Vita dallo spazio asteroidi e meteore” per il tema di rendere le città sicure, durature e sostenibili.

Di Monica Sozzi

 

Guarda il trailer

 

 

 

Martedì 16 Marzo 2021

Aderenti

Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile - ASviS
Via Farini 17, 00185 Roma C.F. 97893090585 P.IVA 14610671001

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale