per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

PARITÀ DI GENERE

Raggiungere l'uguaglianza di genere e l'empowerment (maggiore forza, autostima e consapevolezza) di tutte le donne e le ragazze

In Italia, solo il 16,2% delle laureate ha una laurea Stem (discipline scientifiche), contro il 37,3% degli uomini, nonostante un +5% delle iscrizioni femminili. Rimane al di sotto della media europea la padronanza di competenze digitali e finanziarie. Nell’Ue il 17% circa degli specialisti Ict (Information and communications technology) e un laureato Stem su tre è donna.

Un 2024 fragile sulle prospettive occupazionali e sociali globali

Il mondo del lavoro si è rivelato incredibilmente resiliente, ma il nuovo anno porterà due milioni di disoccupati in più e un aggravarsi della giustizia sociale. Oil: “Puntare sulla cooperazione internazionale”.  17/1/24

mercoledì 17 gennaio 2024
Tempo di lettura: min

Nonostante il deterioramento delle condizioni economiche, il mondo del lavoro sta dimostrando una inaspettata resilienza. Lo dichiara il Rapporto “World employment and social outlook: Trends 2024” dell’Organizzazione internazionale del lavoro (Oil), rilasciato il 10 gennaio, che analizza i trend occupazionali del 2024. Le continue tensioni geopolitiche e la persistente inflazione hanno deteriorato il contesto macroeconomico nel corso del 2023. Le grandi economie emergenti come Cina, Turchia e Brasile hanno rallentato, provocando un impatto negativo sull’attività industriale, sugli investimenti e sul commercio globale.

Fig.1 Andamento del tasso di disoccupazione


Un 2023 tra fragilità e resilienza alla crisi

Nonostante il rallentamento, sottolinea il Rapporto, la crescita globale nel 2023 è stata leggermente superiore del previsto e sia il tasso di disoccupazione che il divario occupazionale sono scesi al di sotto dei valori pre-pandemia. I tassi di partecipazione al mercato del lavoro hanno registrato una ripresa, seppur disomogenea e con benefici diversi. La partecipazione femminile, ad esempio, ha visto una rapida ripresa, anche se il divario di genere rimane ampio, soprattutto nei Paesi con economie emergenti e nei Paesi in via di sviluppo. La disoccupazione giovanile continua a rappresentare una sfida. Il tasso dei Neet, persone che non seguono percorsi d’istruzione o corsi di formazione e che non lavorano, rimane elevato, in particolare per le giovani donne. Molti settori faticano ad attrarre persone, soprattutto quelli dell’assistenza, dei trasporti e nel lavoro al dettaglio. Carenze persistenti si registrano anche nel settore manifatturiero ed edile.

Fig. 2 L’andamento dell’inflazione

Nonostante il calo della disoccupazione registrata nel 2023, sottolinea il Rapporto, i salari sono diminuiti nella maggior parte dei Paesi del G20 e, dove ci sono stati degli aumenti, questi non sono riusciti a tenere il passo con l’inflazione. Inoltre, nel 2023, il numero di lavoratori che vivono in condizioni di estrema povertà, guadagnando meno di 2,15 dollari al giorno, è cresciuto di circa 1 milione.

Dopo un breve impulso durante la ripresa post-pandemia, la crescita della produttività del lavoro ha rallentato. Un rallentamento, secondo il Rapporto, legato ai significativi investimenti indirizzati verso i servizi a bassa produttività come l’edilizia, alla carenza di competenze e al mancato adattamento tecnologico.

Fig.3 Andamento del lavoro informale


Le prospettive occupazionali del 2024

Secondo il Rapporto, le prospettive del mercato del lavoro peggioreranno nel corso dell’anno, spingendo il tasso di disoccupazione globale al 5,2%, con più di due milioni di disoccupati in più. Un aumento dovuto principalmente alla crescente disoccupazione nelle economie avanzate. È improbabile, continua il Rapporto, che la diminuzione dei salari e del tenore di vita dovuta agli elevati tassi di inflazione e all’aumento dei costi degli alloggi venga compensata rapidamente. Nel 2024, poi, circa il 58% dell’occupazione globale sarà informale/in nero ed è probabile che la povertà lavorativa persista.

Inps: tasso di occupazione al massimo storico (61%), ma distante dalla media Ue

Il Rapporto pubblicato dall’ente di previdenza sociale mostra un Paese in crescita occupazionale, con grandi differenze Nord-Sud. Quasi dieci milioni i beneficiari dell’assegno unico universale.  29/9/23

Le sfide più importanti, conclude il Rapporto, devono essere affrontate rapidamente per accelerare il raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile. L’attuale contesto di tensioni geopolitiche non è di buon auspicio per un coordinamento internazionale rapido ed efficace per affrontare le principali sfide economiche, ecologiche e sociali. I governi devono rafforzare la propria economia interna attraverso iniziative mirate ad aumentare la crescita della produttività e il tenore di vita. Per questo, i governi e le parti sociali potrebbero utilizzare gli strumenti di cooperazione internazionale esistenti per promuovere iniziative di produttività regionale, ad esempio rafforzando i partenariati per le competenze globali. Molti governi, soprattutto nei Paesi a basso e medio reddito, non riusciranno a superare le difficoltà perché hanno esaurito le loro risorse. L’invito ai Paesi del G20 è di lavorare per promuovere la cooperazione internazionale, al fine di utilizzare meglio i fondi multilaterali per lo sviluppo, sostenendo le economie più fragili.

Scarica il Rapporto

 

di Tommaso Tautonico

 

Fonte copertina: microgen, da 123rf.com

Aderenti

Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile - ASviS
Via Farini 17, 00185 Roma C.F. 97893090585 P.IVA 14610671001

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale