per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

IMPRESE, INNOVAZIONE E INFRASTRUTTURE

Costruire una infrastruttura resiliente e promuovere l'innovazione ed una industrializzazione equa, responsabile e sostenibile

La disuguaglianza digitale è una questione da risolvere al più presto, dato che tre miliardi di persone nel mondo rimangono offline. Nel 2021 l’Italia aumenta la copertura della rete Gigabit alle famiglie, posizionandosi in linea con l'obiettivo prefissato, mentre nel 2020 ha fatto progressi insufficienti per quanto riguarda la spesa in ricerca e sviluppo.

Notizie

Censis-Assogestioni: gli italiani non hanno più paura degli investimenti green

Il 91,7% dei cittadini considera il riscaldamento globale un fenomeno concreto. Il 57,4% dei risparmiatori investirebbe in prodotti sostenibili, mentre per il 90% serve un ente terzo certificatore contro il greenwashing.  22/12/22

Nell’anno in cui l’inflazione torna a farsi sentire dopo oltre un trentennio, i risparmiatori italiani sembrano aver superato le iniziali paure e si dicono pronti a valutare con attenzione le opportunità di investimento green dei propri risparmi. Lo rileva il Rapporto annuale Censis-Assogestioni “Il risparmio degli italiani e gli investimenti green: le nuove prospettive” pubblicato di recente.

L’anno della svolta. Il 2022, sottolinea l’indagine, è l’anno in cui è decollata l’attenzione degli italiani per la sostenibilità. Il 91,7% dei cittadini considera il riscaldamento globale come un fenomeno concreto e pericoloso, provocato anche dall’umanità. La successione di eventi climatici estremi che ha colpito il nostro Paese, dallo scioglimento della Marmolada ai temporali delle Marche e all’alluvione che ha colpito l’isola di Ischia, con le loro drammatiche conseguenze umane, hanno consolidato l’idea che sostenibilità ambientale e lotta al riscaldamento climatico, se non affrontati, potrebbero generare conseguenze socioeconomiche molto gravi.


VAI ALLA PUNTATA DI ALTA SOSTENIBILITÀ
"DALLA BCE UNA POLITICA MONETARIA GREEN, COSì PROCEDONO FINANZA SOSTENIBILE E A IMPATTO"


La fiducia nel green. Una delle ragioni delle remore al green è stato a lungo il timore che potesse determinare effetti negativi sul costo di materie prime, energia, prodotti e servizi. Gli italiani sono stati a lungo convinti che la transizione energetica avrebbe determinato costi più alti, minori consumi e maggiori disparità sociali. La prospettiva è cambiata anche a seguito dei rialzi dei costi dell’energia e degli eventi atmosferici estremi. Il 71% degli italiani, a fronte di una media Ue del 48%, ritiene che entro il 2050 l’energia, i prodotti e i servizi sostenibili saranno disponibili a prezzi convenienti per tutti. Per il 68% degli italiani le politiche per affrontare il cambiamento climatico creeranno più posti di lavoro. Per il 71% degli intervistati le giuste politiche creeranno posti di lavoro migliori in termini di salari, sicurezza e qualità dell'ambiente di lavoro. Sono dati che evidenziano che il green è ormai percepito come pilastro di un processo che può essere socialmente inclusivo.


LEGGI ANCHE - L’INFORMAZIONE AL TEMPO DEL GREENWASHING: SI FA PRESTO A DIRE SOSTENIBILITÀ


Meno confusione, più consapevolezza. Siamo di fronte a un’evoluzione socioculturale importante, continua il Rapporto, considerando che nelle precedenti edizioni era emersa una evidente confusione tra i risparmiatori sulle tematiche del green. C’era la volontà di capire meglio cosa fossero gli investimenti green e in generale quelli Esg (Enviromental, social and governance), ma l’abbondanza di definizioni, a volte contrastanti, seminava confusione. Una condizione poco favorevole per prendere decisioni di investimento dei propri soldi.

Un ente terzo garante. In questa nuova fase il 57,4% dei risparmiatori è favorevole a investire in prodotti finanziari e imprese sostenibili. Le categorie più favorevoli sono i giovani (59,6%), i residenti del Nord Ovest (61,7%), i laureati (67,9%), e i redditi alti (76,6%).

Dall’analisi emerge il bisogno da parte degli investitori di un intermediario super partes che garantisca che i settori, i progetti, le imprese su cui eventualmente investiranno siano realmente rispettosi della sostenibilità ambientale e non facciano greenwashing. L’89,8% degli italiani ritiene che sarebbe importante l’intervento di istituzioni o enti certificatori terzi che assicurino che gli investimenti green siano esattamente quel che dichiarano di essere e che agiscano secondo i criteri annunciati.


LEGGI ANCHE - BANCA D’ITALIA: LA CRISI CLIMATICA COLPISCE OGNI COMPARTO DELLA NOSTRA ECONOMIA


È evidente, conclude il Rapporto, che questa nuova fase di sviluppo degli investimenti green ed Esg sarà condizionata dalla “capacità di rassicurare, affiancare e orientare i risparmiatori, aiutandoli a superare quella diffidenza da confusione persistente che, ad oggi, li colpisce di fronte alla proposta di un investimento green”. Il buon consulente finanziario per gli italiani è una persona competente, disponibile e in cui avere piena fiducia ed è la figura che può supportali nella decisione di cominciare a destinare una parte dei propri risparmi al finanziamento della transizione ecologica.

 

di Tommaso Tautonico

 

Fonte copertina: Warat42/123rf

Giovedì 22 Dicembre 2022

Aderenti

Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile - ASviS
Via Farini 17, 00185 Roma C.F. 97893090585 P.IVA 14610671001

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale