Sviluppo sostenibile
Lo sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri bisogni senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i propri.

L'Agenda 2030 dell'Onu per lo sviluppo sostenibile
Il 25 settembre 2015, le Nazioni Unite hanno approvato l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, un piano di azione globale per le persone, il Pianeta e la prosperità.

Goal e Target: obiettivi e traguardi per il 2030
Ecco l'elenco dei 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals - SDGs) e dei 169 Target che li sostanziano, approvati dalle Nazioni Unite per i prossimi 15 anni.

Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile
Nata il 3 febbraio del 2016 per far crescere la consapevolezza dell’importanza dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e per mobilitare la società italiana, i soggetti economici e sociali e le istituzioni allo scopo di realizzare gli Obiettivi di sviluppo sostenibile.

Progetti e iniziative per orientare verso uno sviluppo sostenibile

Contatti: Responsabile Rapporti con i media - Niccolò Gori Sassoli.
Scopri di più sull'ASviS per l'Agenda 2030

The Italian Alliance for Sustainable Development (ASviS), that brings together almost 300 member organizations among the civil society, aims to raise the awareness of the Italian society, economic stakeholders and institutions about the importance of the 2030 Agenda for Sustainable Development, and to mobilize them in order to pursue the Sustainable Development Goals (SDGs).
 

Ue e sostenibilità: clima, consumo responsabile e biodiversità tra le maggiori sfide

Rapporto Sdsn: Europa in ritardo anche su obiettivi sociali, crisi aggravano povertà e deprivazione materiale. Italia lontana dai Paesi più virtuosi. L’appello in vista delle elezioni di giugno del nuovo Parlamento.  31/1/24

mercoledì 31 gennaio 2024
Tempo di lettura: min

Al ritmo attuale, un terzo degli Obiettivi di sviluppo sostenibile non sarà raggiunto entro il 2030. È quanto rileva la quinta edizione dello “Europe sustainable development report 2023/24” pubblicato dalla Rete delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile (Sdsn), in collaborazione con Sdsn Europe e Comitato economico e sociale europeo (Cese).

Gli SDGs stentano in Europa

Crisi sanitarie, geopolitiche, climatiche e finanziarie, sottolinea il Rapporto, hanno portato a un rallentamento dei progressi negli SDGs. A pesare maggiormente sono gli scarsi risultati che si registrano in ambito socioeconomico e negli Obiettivi ambientali. La Finlandia, per il quarto anno consecutivo, è in cima all’indice SDG di quest’anno con 80,6 punti su 100. Seguono Svezia e Danimarca. L’Italia è ventunesima con un punteggio di 69,9. Fanalino di coda è la Turchia con 57,1. Anche i Paesi in cima alla classifica, sottolinea il report, devono affrontare sfide significative nel raggiungimento di diversi Obiettivi di sviluppo sostenibile.



A livello europeo le maggiori sfide sono legate al Goal 12 (Consumo e produzione responsabili),  13 (Lotta contro il cambiamento climatico), 15 (Vita sulla terra) e al Goal 2 (Sconfiggere la fame). Segnali incoraggianti arrivano dai Goal 6 (Acqua pulita e servizi igienico sanitari), 9 (Imprese, innovazione e infrastrutture) e 17 (Partnership per gli obiettivi). L'edizione di quest’anno evidenzia anche le sfide legate all’indice “Leave no one behind” che misura le disuguaglianze a livello nazionale in quattro dimensioni: povertà estrema e deprivazione materiale (quota di persone costrette a rinunciare per ragioni finanziarie a beni, servizi e attività sociali importanti); disuguaglianze di reddito; disuguaglianze di genere; accesso e qualità dei servizi. L’Indice evidenzia progressi minimi e persino inversioni in tre delle quattro dimensioni per la maggior parte dei Paesi europei dal 2020. “È necessario”, dice il Rapporto, “affrontare le persistenti e crescenti disuguaglianze all’interno e tra i Paesi europei”.

La situazione è particolarmente allarmante per quanto riguarda la sottodimensione “accesso e qualità dei servizi”, dove 32 dei 34 Paesi europei registra dei passi indietro. L’efficace funzionamento delle istituzioni europee, continua il Rapporto, dipende dalla capacità di leadership dell’Ue e degli Stati membri di garantire pari opportunità, proteggere i più vulnerabili e promuovere l’istruzione e le competenze per tutti.

Oxfam: ai ritmi attuali, necessari 230 anni per porre fine alla povertà

I miliardari raddoppiano la ricchezza, generando un “livello di disuguaglianze osceno”. Oxfam presenta a Davos un Rapporto per limitare il ruolo delle imprese, rivitalizzando quello dello Stato. [Da FUTURAnetwork.eu]. 18/1/24

L’appello

A giugno prossimo i cittadini europei saranno chiamati a eleggere il nuovo Parlamento. I futuri leader avranno la responsabilità di approvare il prossimo bilancio settennale (2028-2035) e di negoziare la prossima Agenda globale per lo sviluppo sostenibile portando avanti gli Obiettivi di sviluppo sostenibile dopo il 2030. Nel contesto globale attuale, sottolinea il Rapporto, la leadership europea deve adottare un approccio più ambizioso, integrato e coerente per accelerare l’attuazione degli SDGs a livello nazionale e internazionale. Per questo un gruppo di oltre 200 scienziati, esperti e professionisti provenienti da oltre 20 Paesi europei hanno pubblicato un appello congiunto, sottoscritto anche dall’ASviS, rivolto ai partiti politici e alla futura leadership dell’Ue per gettare le basi per un nuovo Patto per il futuro. Una Call to Action che individua dieci azioni prioritarie:

  • Rispondere al pericolo di “Social tipping points” riducendo il rischio di povertà ed esclusione sociale dei cittadini europei.
  • Raddoppiare gli sforzi per raggiungere l’obiettivo di zero emissioni nette nell’Ue entro il 2050, con importanti progressi entro il 2030.
  • Rafforzare le autorità regionali e locali nel raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile, monitorando e segnalando regolarmente i progressi raggiunti.
  • Contenere le ricadute negative a livello internazionale e sostenere la trasformazione verso un sistema commerciale sostenibile.
  • Sfruttare l’approccio Team Europe per la diplomazia globale degli Obiettivi di sviluppo sostenibile, rafforzando modelli di governance diversificati e universali.
  • Intensificare il ruolo multilaterale dell’Europa guidando gli sforzi per riformare l’architettura finanziaria globale.
  • Riorientare i partenariati internazionali dell'Ue sugli Obiettivi di sviluppo sostenibile e procedere verso una cooperazione trasformativa.
  • Mobilitare i mezzi finanziari per favorire una trasformazione verso un futuro sostenibile.
  • Istituzionalizzare l’integrazione degli SDGs nella pianificazione strategica, nel coordinamento macroeconomico, nei bilanci, nei programmi di ricerca e innovazione e in altri strumenti politici.
  • Stabilire nuovi meccanismi permanenti per un impegno strutturato e significativo con la società civile, compresi i giovani, e all’interno del Parlamento europeo sui percorsi e le politiche degli Obiettivi di sviluppo sostenibile.

 

di Tommaso Tautonico

 

Fonte copertina: tpabma, da 123rf.com

Aderenti