Sviluppo sostenibile
Lo sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri bisogni senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i propri.

L'Agenda 2030 dell'Onu per lo sviluppo sostenibile
Il 25 settembre 2015, le Nazioni Unite hanno approvato l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, un piano di azione globale per le persone, il Pianeta e la prosperità.

Goal e Target: obiettivi e traguardi per il 2030
Ecco l'elenco dei 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals - SDGs) e dei 169 Target che li sostanziano, approvati dalle Nazioni Unite per i prossimi 15 anni.

Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile
Nata il 3 febbraio del 2016 per far crescere la consapevolezza dell’importanza dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e per mobilitare allo scopo di realizzare gli Obiettivi di sviluppo sostenibile.

I nostri Progetti per orientare verso uno sviluppo sostenibile

Contatti: Responsabile Rapporti con i media - Niccolò Gori Sassoli.
Scopri di più sull'ASviS per l'Agenda 2030

The Italian Alliance for Sustainable Development (ASviS), that brings together almost 300 member organizations among the civil society, aims to raise the awareness of the Italian society, economic stakeholders and institutions about the importance of the 2030 Agenda for Sustainable Development, and to mobilize them in order to pursue the Sustainable Development Goals (SDGs).
 

Corruzione: peggiora l’indice di percezione a livello globale, Italia in stallo

Due terzi dei Paesi del mondo sono al di sotto della media. Danimarca e Nuova Zelanda i Paesi più virtuosi, Sud Sudan all’ultimo posto. L’Italia mantiene il punteggio dell’anno scorso, ma perde una posizione in classifica. 4/02/21

“Il progresso nella lotta alla corruzione non è stato significativo e le misure, quando adottate, non si sono rivelate del tutto efficaci”. È quanto affermato dalla presidente di Transparency international Italia, Iole Anna Savini, in occasione della presentazione di giovedì 28 gennaio dei risultati dell’Indice di percezione della corruzione (Cpi) 2020.

L’indice di Transparency international Italia, elaborato a partire da 13 strumenti di analisi e da sondaggi condotti da esperti in materia, mira a valutare l’apparato anticorruzione nel settore pubblico di ciascuno dei 180 Paesi aderenti all’iniziativa. Per ogni Stato viene attribuito un punteggio che va da zero a 100, dove il dato più basso indica un alto livello di corruzione percepita mentre quello più alto rivela il contrario. La metodologia di elaborazione dell’indice viene di anno in anno aggiustata per fornire un dato sempre più attendibile delle diverse realtà locali.

Insieme alla presidente dell’associazione, alla presentazione del Cpi 2020 sono intervenuti Mario Ferrario, vice presidente di Transparency international, Giuseppe Busia, presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione (Anac), Giovanni Tria, ex ministro dell'Economia e delle finanze e, infine, Alessandro Plateroti, editorialista de Il Sole 24 Ore.

Savini, nella sua relazione introduttiva, ha riportato i dati del Cpi riguardanti l’anno appena passato. L’indice riporta un generale peggioramento della percezione della corruzione al livello globale, evidenziando il fatto che due terzi dei Paesi monitorati hanno un punteggio inferiore a 50/100. Il valore che indica la media dei voti attribuiti è 43/100, cioè ben al di sotto della mediana. Danimarca e Nuova Zelanda continuano ad attestarsi tra i Paesi più virtuosi, con un punteggio di 88. In fondo alla classifica, Siria, Somalia e Sud Sudan, con un punteggio, rispettivamente, di 14, 12 e 12.

Il dato riguardante il nostro Paese dimostra che l’Italia non ha effettuato nel 2020 uno sforzo sufficiente per migliorare il suo ranking. Negli ultimi anni si era costituito un trend positivo che ha visto l’Italia guadagnare 11 punti dal 2012 (42) al 2019 (53). Anche se il valore attribuito nel 2020 è rimasto invariato rispetto all’anno precedente (53), il nostro Paese è retrocesso nella classifica mondiale, passando dalla cinquantatreesima alla cinquantaduesima posizione nella graduatoria globale. Savini ha evidenziato il fatto che l’andamento positivo, cominciato nel 2012, potrà essere ripreso in futuro grazie al lavoro dell’Anac e all’applicazione della legge contro la corruzione del 9 gennaio 2019.

Durante la presentazione è stato fatto anche un approfondimento sul rapporto tra crisi pandemica e corruzione, evidenziando il fatto che quest’ultima rappresenta già di per sé un ostacolo all’accesso alla salute. L’emergenza sanitaria globale ha rimarcato quanto il fenomeno corruttivo impedisca un corretto accesso e una gestione adeguata dei servizi sanitari. È stato quindi dimostrato quanto la trasparenza e l’adozione di misure di contrasto alla corruzione siano necessarie per affrontare efficacemente la diffusione del virus. Tra l’altro, l’analisi ha dimostrato che i Paesi a cui è stato attribuito un valore del Cpi elevato hanno sofferto poche violazioni delle norme nell’implementazione delle politiche necessarie per rispondere alle esigenze dettate dalla crisi pandemica.

Infine sono state elencate le raccomandazioni esposte nel Rapporto pubblicato da Transparency international, in cui si raccomanda di predisporre finanziamenti adeguati alle autorità anti-corruzione, di implementare la trasparenza negli appalti pubblici, di promuovere spazi di dialogo democratico per evidenziare le responsabilità dei governi e di garantire l’accesso pubblico alle informazioni più rilevanti.

Scarica il Rapporto

di Milos Skakal

Giovedì 04 Febbraio 2021

Aderenti