per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

I diritti violati delle popolazioni indigene: l’86% lavora nell’economia informale

Gli indigeni si trovano più spesso in condizioni di povertà. Le donne le più colpite, con scarse probabilità di concludere l’istruzione di base. Oil: fondamentale attuare la Convenzione n.169 per la tutela dei loro diritti. 6/2/20

Le popolazioni indigene hanno probabilità tre volte maggiori degli altri di vivere in condizioni di estrema povertà. Rappresentano quasi il 19% dei poveri estremi (coloro che vivono al di sotto di 1,90 dollari statunitensi al giorno) nonché una quota considerevole dei poveri globali. A più di 30 anni dall’adozione della Convenzione internazionale sui diritti delle popolazioni indigene e tribali del 1989 (n.169), un nuovo Rapporto presentato il 3 febbraio dall’Organizzazione internazionale del lavoro (Oil), dal titolo “Implementing the Ilo indigenous and tribal peoples Convention No. 169. Towards an inclusive, sustainable and just future”, afferma che è urgente affrontare l’elevato livello di povertà e le disuguaglianze a cui devono far fronte queste comunità.

Si calcola che nel mondo ci siano più di 5mila comunità indigene, presenti in circa 90 Paesi. Ciò equivale a oltre 476 milioni di persone, il 6% della popolazione mondiale. L’Asia Pacifico è la regione con la più alta percentuale di popolazioni indigene (70,5%), seguita da Africa (16,3%), America Latina e Caraibi (11,5%), America del Nord (1,6%), Europa e Asia centrale (0,1%).

Più dell’80% delle popolazioni indigene nel mondo vive in Paesi a medio o basso reddito. L’86% del totale lavora nell’economia informale, spesso associata a cattive condizioni di lavoro e mancanza di protezione sociale, rispetto al 66% delle persone non indigene. Un aspetto fondamentale dell’esclusione è rappresentato dalle condizioni socio-economiche delle donne: queste ultime hanno basse possibilità di completare l’istruzione di base e hanno maggiori probabilità di trovarsi in condizioni di estrema povertà. Le donne indigene hanno anche una più alta partecipazione al lavoro familiare (34%) rispetto alle non indigene. Allo stesso tempo, solo un quarto di loro (24,4%) ha un lavoro retribuito, una percentuale inferiore rispetto alle donne non indigene (51,1%) e agli uomini non indigeni (30,1%). Anche quando svolgono un lavoro retribuito, gli uomini e le donne delle comunità indigene guadagnano in media il 18% in meno rispetto agli altri.

La Convenzione

La Convenzione n.169 è l’unico trattato internazionale volto a proteggere e promuovere i diritti delle popolazioni indigene e tribali. Stabilisce una strategia chiara e fornisce una guida specifica per l’attuazione di questi diritti. Attualmente, è stata ratificata da 23 dei 187 Stati membri dell’Ilo, il che significa che solo il 15% circa delle popolazioni indigene nel mondo vive in Paesi coperti dal trattato. “Più ratifiche della Convenzione n.169 e azioni per la sua effettiva attuazione” – ha dichiarato Martin Oelz, senior specialist di eguaglianza e non discriminazione dell’Ilo e coautore del Rapporto - “sarebbero un passo nella giusta direzione. Per garantire che le politiche pubbliche rispondano alle esigenze delle popolazioni indigene e riflettano le loro aspirazioni, è essenziale affrontare la diffusa assenza di quadri istituzionali e giuridici che consentano la loro partecipazione al processo decisionale”.

Il Rapporto identifica anche molte opportunità per affrontare la situazione e dare diritti alle donne e agli uomini indigeni, per renderli attori dello sviluppo e delle battaglie per il clima, per raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile e realizzare l’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici. L’Agenda 2030, con il suo impegno a non lasciare nessuno indietro, offre un’opportunità unica per intraprendere uno sforzo globale per affrontare le vulnerabilità socio-economiche che devono affrontare queste comunità.

 

 Scarica il documento completo

 

di Andrea De Tommasi

#ASviS_Altre_News #goal10 #goal16

Aderenti

Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile - ASviS
Via Farini 17, 00185 Roma C.F. 97893090585 P.IVA 14610671001

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale

Fatal error: Uncaught RedisException: MISCONF Redis is configured to save RDB snapshots, but it is currently not able to persist on disk. Commands that may modify the data set are disabled, because this instance is configured to report errors during writes if RDB snapshotting fails (stop-writes-on-bgsave-error option). Please check the Redis logs for details about the RDB error. in [no active file]:0 Stack trace: #0 {main} thrown in [no active file] on line 0