per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

Freedom house: democrazia in crisi in Europa orientale e balcanica

Il rapporto annuale dell’organizzazione denuncia che mai, nell’ultimo decennio, le istituzioni e la tenuta democratica dei Paesi della vasta regione euro-asiatica sono state così deboli e in pericolo. 11/5/20


L’Ungheria non dovrebbe essere più considerata una democrazia, la Polonia sta prendendo la stessa direzione, la democrazia nei Balcani si sta erodendo a causa dell’influenza cinese e russa e l’Unione europea non sta facendo abbastanza per invertire la rotta. È il quadro allarmante che Freedom house, organizzazione per i diritti civili con sede a Washington, descrive nel suo ultimo “Nations in transit 2020” , l’unico studio globale su 29 Stati dell'ex Unione sovietica e dell'Europa orientale e balcanica sul tema. Nel Rapporto, pubblicato il 6 maggio, gli autori hanno registrato relativamente al 2019 “una straordinaria crisi democratica”, affermando che oggi ci sono nella regione “meno democrazie che in qualsiasi momento da quando è stata lanciata la relazione annuale nel 1995”.

Secondo i risultati del Rapporto, l'Ungheria è ora un “regime ibrido”, avendo perso il suo status di "democrazia semi-consolidata" a causa dei continui attacchi del primo ministro Viktor Orbán alle istituzioni democratiche del Paese. L'adozione di una legge di emergenza che consente all’esecutivo di governare con decreto indefinitamente, introdotta durante la Pandemia, “ha ulteriormente mostrato il carattere non democratico del regime di Orbán”, hanno scritto gli autori, aggiungendo che "il declino dell'Ungheria è stato il più precipitoso mai registrato”.

La Polonia, un altro membro dell'Ue, è stata declassata a “democrazia semi-consolidata” dopo gli attacchi al sistema giudiziario e all’indipendenza dei magistrati. Riforme che hanno attirato aspre critiche dalle associazioni di magistrati, scesi in piazza a tutela della propria indipendenza. Il report ha evidenziato che “decine di giudici polacchi rischiano sanzioni per motivi frivoli o per aver semplicemente tentato di rispettare il diritto dell'Unione europea. Le punizioni possono variare da avvertimenti e riduzioni di stipendio fino alle pene detentive”.

Il Rapporto esprime anche serie preoccupazioni per l’area balcanica. Serbia e Montenegro, due nazioni che in futuro sperano di aderire all'Unione europea, quest'anno hanno raggiunto l’Ungheria nella categoria dei “regimi ibridi” dopo che i loro leader “hanno rovesciato quei Paesi” con atti di autoritarismo.

Secondo Freedom House, in un quadro globale già critico e aggravato ora dal Covid-19, l'influenza delle grandi potenze straniere è stato un fattore destabilizzante. “Oltre alla continua influenza della Russia, la Cina ha promosso un'ambiziosa politica estera praticamente in tutti i 29 Paesi della regione", hanno affermato gli autori. "Il regime di Xi Jinping sta diffondendo il suo potere, sfruttando le debolezze istituzionali e inserendosi in strutture politiche ed economiche corrotte”.

Complessivamente, dei 29 Paesi valutati dieci sono stati classificati come democrazie, altri dieci come regimi ibridi e nove come regimi autoritari. Nell’ultimo decennio, il numero di regimi ibridi è più che triplicato, mentre il numero di democrazie è sceso di un terzo. Freedom house, che ha tra i principali finanziatori il governo degli Stati Uniti, fornisce a ogni Paese un “punteggio di democrazia” basato su sette categorie, tra cui elezioni, corruzione, indipendenza giudiziaria e libertà dei media.


Scarica il Rapporto


di Andrea De Tommasi

Lunedì 11 Maggio 2020
#ASviS_Altre_News #goal16

Aderenti

Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile - ASviS
Via Farini 17, 00185 Roma C.F. 97893090585 P.IVA 14610671001

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale