per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

Infanzia e adolescenza: nove reti scrivono a Conte, urge un piano nazionale

L'ASviS lancia il documento #educAzioni, insieme ad altre reti della società civile, per chiedere al Premier di ripartire dall’istruzione. Oggi alle 14:30 la diretta streaming dell'evento di presentazione. 17/6/20

In questi mesi in Italia 9,8 milioni di bambini e bambine, ragazzi e ragazze, il 16,8% della popolazione, sono rimasti senza scuola. Per consentire all’Italia di rialzarsi bisogna ripartire dai loro diritti, mettendo al centro dell’agenda politica un investimento su coloro che rappresentano il presente e il futuro del Paese. Perché “senza attenzione ai diritti dei bambini e degli adolescenti, non può avvenire una vera ripartenza”.

Con il documento “#educAzioni - Cinque passi per contrastare la povertà educativa e promuovere i diritti delle bambine, dei bambini e degli e delle adolescenti”, e una richiesta di incontro al presidente del Consiglio, nove reti di organizzazioni impegnate nei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, del sindacato, dell’associazionismo civile e professionale, tra le quali l’ASviS, hanno chiesto di aprire un’interlocuzione con il governo sulle politiche per l’infanzia e l’adolescenza.

“La scuola italiana non può e non deve essere lasciata sola di fronte a una sfida educativa senza precedenti, come quella innescata dal diffondersi dell’epidemia”. Questo il messaggio lanciato da ASviS, Alleanza per l’infanzia, Appello della società civile per la ricostruzione di un welfare a misura di tutte le persone e dei territori, Coordinamento nazionale comunità di accoglienza (Cnca), Forum disuguaglianze e diversità (Forum dd), Forum education, #GiustaItalia patto per la ripartenza, Gruppo Crc e Tavolo Saltamuri.

Le richieste contenute nel documento, (presentazione ufficiale a partire dalle 14:30, nel corso di un webinar pubblico sulla pagina Facebook EducAzioni - i 5 passi) si articolano in cinque punti:

  • l’attivazione, a partire dai territori più svantaggiati, dei Poli educativi 0-6 anni, sotto il coordinamento del ministero dell’Istruzione, con garanzia di accesso gratuito per le famiglie in difficoltà economica;

  • la costruzione di patti educativi territoriali per coordinare l’offerta educativa curriculare con quella extracurriculare, mantenendo le scuole aperte tutto il giorno, coordinati e promossi dagli enti locali, in collaborazione con le scuole e il civismo attivo;

  • l’avvio di un’offerta educativa personalizzata, a partire dall’estate e da proseguire alla ripresa delle scuole, destinata alle categorie più colpite dal black out educativo: bambini e delle bambine che vivono nelle situazioni familiari più deboli economicamente, con un’attenzione speciale al benessere psicologico, alunni disabili e adolescenti usciti dal circuito scolastico;

  • l’allocazione del 15% del totale degli investimenti per il superamento della crisi in educazione per dotare le scuole delle risorse necessarie, migliorare la qualità dell’istruzione rendendola più equa e incisiva, contrastare la povertà educativa e la dispersione;

  • la definizione di un piano strategico nazionale sull'infanzia e sull'adolescenza, con obiettivi chiari e sistemi di monitoraggio, per promuovere il rilancio diffuso delle infrastrutture sociali e educative.


In Italia la spesa pubblica per l’istruzione è tra le più basse d’Europa e siamo agli ultimi posti per numero di laureati, tasso di abbandono scolastico e competenze acquisite. Ecco perché, secondo le nove reti firmatarie, serve da parte del governo “un forte segno di discontinuità dopo decenni di limitati investimenti su istruzione e politiche per l’infanzia e l’adolescenza, al fine di rilanciare il futuro del Paese, in coerenza con l'Agenda 2030 dell’Onu”.

Basta guardare ai numeri per comprendere la portata di questa enorme crisi di apprendimento: in Italia 1 milione e 134mila minori vive in povertà assoluta, il 14,5% degli adolescenti abbandona la scuola, il 12,3% dei ragazzi tra 6-17 anni si trova in case prive di pc o tablet e il 10,5% dei ragazzi tra 15 e 19 anni non è occupato né inserito in un percorso di formazione. “Nonostante l’emergenza presenti molte priorità, concludono le reti firmatarie, “è fondamentale intervenire per colmare i gravi squilibri demografici e sociali a svantaggio delle nuove generazioni, erose dalla bassa natalità e ad alto rischio di povertà materiale ed educativa”.

 


Guarda il programma

Scarica il documento EducAzioni

Il comunicato stampa 

Lettera al presidente del Consiglio Giuseppe Conte

 

di Andrea De Tommasi

Mercoledì 17 Giugno 2020
#goal4 #ASviS_News_Alleanza

Aderenti

Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile - ASviS
Via Farini 17, 00185 Roma C.F. 97893090585 P.IVA 14610671001

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale