Sviluppo sostenibile
Lo sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri bisogni senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i propri.

L'Agenda 2030 dell'Onu per lo sviluppo sostenibile
Il 25 settembre 2015, le Nazioni Unite hanno approvato l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, un piano di azione globale per le persone, il Pianeta e la prosperità.

Goal e Target: obiettivi e traguardi per il 2030
Ecco l'elenco dei 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals - SDGs) e dei 169 Target che li sostanziano, approvati dalle Nazioni Unite per i prossimi 15 anni.

Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile
Nata il 3 febbraio del 2016 per far crescere la consapevolezza dell’importanza dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e per mobilitare allo scopo di realizzare gli Obiettivi di sviluppo sostenibile.

I nostri Progetti per orientare verso uno sviluppo sostenibile

Contatti: Responsabile Rapporti con i media - Niccolò Gori Sassoli.
Scopri di più sull'ASviS per l'Agenda 2030

The Italian Alliance for Sustainable Development (ASviS), that brings together almost 300 member organizations among the civil society, aims to raise the awareness of the Italian society, economic stakeholders and institutions about the importance of the 2030 Agenda for Sustainable Development, and to mobilize them in order to pursue the Sustainable Development Goals (SDGs).
 

Notizie

Prosegue il viaggio dei "Comuni sostenibili on the road"

Nuove tappe per il percorso che racconta le iniziative di transizione ecologica delle amministrazioni locali. Il progetto promuove e monitora la coerenza delle politiche locali con i principi di sostenibilità.    30/3/22

Comuni Sostenibili On The Road” è l’iniziativa promossa da Ali, Rete dei Comuni Sostenibili e Leganet, realizzata con il sostegno di Enel e le media partnership di Rai Radio 2, Caterpillar “M’illumino di Meno” e Tpi - The Post internazionale e con il patrocinio dell’ASviS.

Dieci tappe in dieci Comuni italiani. Dieci tappe per raccontare le esperienze e le buone pratiche realizzate dalle amministrazioni comunali sui temi della sostenibilità ambientale, economica e sociale, in linea con gli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

La prima tappa, o tappa zero, è stata ospitata dal Comune di Grottammare a inizio 2022. Tra marzo e aprile il viaggio lungo l’Italia prosegue visitando le città di Bagno a Ripoli (Fi), Prato e Tollo (Ch). Il percorso terminerà a settembre in occasione della quarta edizione del Festival delle Città a Roma, l’appuntamento annuale di confronto tra amministratori locali ed esponenti della politica nazionale organizzato da Ali. Il Festival ha, tra gli altri, l’importante compito di sottolineare il ruolo di città e comuni come motori di sviluppo ed elementi di coesione sociale, e quello dei sindaci, rappresentanti delle istituzioni territorialmente e funzionalmente più vicine ai cittadini.

I video reportage. Per ciascuna delle tappe toscane vengono realizzati video racconti di 20 minuti sui progetti innovativi e sulle buone pratiche realizzate dall’amministrazione comunale, interviste al sindaco e gli amministratori locali, una raccolta di testimonianze di cittadini e protagonisti di progetti di sostenibilità. Inoltre, in ogni realtà viene raccontata un’iniziativa nell’ambito della transizione ecologica realizzata nel Comune o nel territorio da Enel.

I video integrali delle puntate di Comuni Sostenibili On The Road insieme al trailer e al racconto fotografico saranno resi disponibili nei siti internet, social network e Canali YouTube dei promotori - Rete dei Comuni Sostenibili e Ali - ma anche nei canali di comunicazione dei Comuni e delle Città protagoniste dell’iniziativa.


LEGGI ANCHE - CITTÀ PIÙ VERDI: CURARE GLI ALBERI NEL TEMPO E DIFFONDERE LA CULTURA DELLA NATURA


La Rete dei Comuni Sostenibili per l’Agenda 2030 Onu. La volontà di territorializzare gli aspetti della sostenibilità si ispira ai 17 Obiettivi dell’Agenda 2030 dell’Onu, che coinvolgono l’attività economica, sociale e ambientale che anche i Comuni possono provare a perseguire attraverso azioni mirate e una lungimirante pianificazione amministrativa. I governi locali, infatti, sono fondamentali per raggiungere più di 100 dei 169 Target dell’Agenda 2030. Comuni e Città oltre ad essere l’architrave istituzionale dell’Italia sono da sempre protagonisti dei grandi cambiamenti del Paese.

In questa direzione la Rete si adopera a stimolare la redazione di “Piani di azione per il comune sostenibile” (Agenda Locale 2030) e altri strumenti di pianificazione finalizzati a migliorare la qualità della vita e dell’ambiente; si propone inoltre di sostenere e accompagnare i Comuni e le Unioni di Comuni nella partecipazione a bandi europei, statali e regionali relativi alle politiche della sostenibilità, anche in vista dell’attuazione delle nuove linee di intervento definite dall’Unione europea e dal Governo italiano.

Azioni e risultati monitorabili e misurabili. La grande novità e il valore aggiunto del sistema della Rete dei Comuni Sostenibili consiste nel mettere a sistema e misurare di anno in anno le azioni di governo e la coerenza delle politiche locali con i principi di sostenibilità, dando quindi concretezza e un metodo scientifico alla misurazione del benessere.

 

“Abbiamo bisogno di misurare concretamente e di verificare come avviene la transizione ecologica sul territorio, sapendo che la maggior parte delle trasformazioni arriva appunto dai Comuni e dalle città: pensiamo alla mobilità sostenibile, alla trasformazione urbana, all’efficientamento energetico, alla valorizzazione dei borghi e la valorizzazione dello spazio urbano. La Rete dei Comuni Sostenibili va a misurare, nei Comuni che aderiranno, la qualità della crescita e la sostenibilità, dando quindi concretezza e un metodo scientifico alla misurazione del benessere. Un progetto ambizioso che guarda al futuro ma anche molto concreto, come sono gli amministratori italiani”. Matteo Ricci, Presidente nazionale Ali e Sindaco di Pesaro.

 

Aderendo alla Rete, i Comuni si rendono infatti disponibili per una valutazione annuale secondo il set di 101 indicatori per misurare l’efficacia delle politiche locali e la realizzazione delle Agende Locali 2030, ma soprattutto cooperano, condividendo su una piattaforma digitale i progetti finalizzati a migliorare gli stessi indicatori e ogni azione significativa utile ad accelerare l’innovazione dal basso.


 LEGGI ANCHE - ISPRA: IL 93,9% DEI COMUNI ITALIANI A RISCHIO FRANE, ALLUVIONI O EROSIONE COSTIERA


La piattaforma digitale. La piattaforma, basata su blockchain della Rete dei Comuni Sostenibili, ha previsto fin da subito l’inserimento dei dati e la loro modifica, l’interlocuzione tra i Comuni e la Rete e la comunicazione di bandi e opportunità di finanziamento.  Da marzo la piattaforma è divenuta anche luogo virtuale di condivisione di buone pratiche, esperienze, progetti e delibere dei comuni sostenibili, offrendo la costruzione di partenariati finalizzati alla partecipazione ai bandi e la possibilità di fissare obiettivi di medio/lungo periodo dei Comuni per i singoli indicatori, in vista della costruzione dell’Agenda Locale 2030.

 

di Monica Sozzi

Giovedì 31 Marzo 2022

Aderenti