per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

Un anno di lavoro e di successi per l’ASviS: i temi dell’assemblea degli Aderenti

Il 2019 ha fatto registrare una crescente attenzione ai temi dell’Agenda 2030, ma sono emerse anche nuove sfide che l’Alleanza dovrà affrontare per mantenere il suo ruolo di orientamento del Paese verso lo sviluppo sostenibile. [VIDEO] 19/12/19

L’assemblea di fine anno dell’ASviS si è tenuta lunedì 16 dicembre. Il presidente dell’Alleanza Pierluigi Stefanini ha ringraziato tutti gli Aderenti per il grandissimo lavoro svolto nel corso del 2019. Quello in fase di chiusura è stato un anno ricco di novità e di iniziative che hanno aiutato lo sviluppo sostenibile a entrare nel linguaggio comune della società italiana: dalla presentazione del Rapporto ASviS, divenuto un punto di riferimento per le istituzioni, al successo dei 1.060 eventi che hanno animato il Festival dello sviluppo sostenibile, senza dimenticare il lancio del portale di informazione Ansa2030, capace di diffondere consapevolezza su queste tematiche tra i cittadini.

Del resto, la natura globale dei problemi e l’attenta gestione della complessità che la transizione ad uno sviluppo sostenibile richiede rendono il tema difficile da comunicare: per questo, l’opinione pubblica, seppur più sensibile al tema rispetto al passato, deve continuare a pressare le istituzioni per produrre un reale cambiamento. A tale proposito, il presidente ha esortato a coinvolgere maggiormente il mondo della cultura che, grazie alla sensibilità e alla visibilità di alcuni protagonisti, potrebbe contribuire a veicolare il messaggio legato all’Agenda 2030.

All’introduzione di Stefanini ha fatto seguito la relazione di Enrico Giovannini, portavoce dell’Alleanza, sulle numerose attività portate avanti durante l’anno e sui principali risultati conseguiti. Tra i dati più significativi, Giovannini ha ricordato l’ulteriore aumento del numero di Aderenti e di Associati all’ASviS, l’unicità dell’Alleanza nel panorama internazionale e l’accresciuta presenza sui media, unita alla capacità di influenzare il dibattito pubblico e l’assunzione di decisioni a favore dello sviluppo sostenibile. Tra i traguardi più significativi, è stata citata la trasformazione del Cipe in Cipess, Comitato interministeriale per la programmazione economica e lo sviluppo sostenibile, che servirà a orientare gli investimenti finanziati dallo Stato verso l’Agenda 2030. Inoltre, l’ASviS ha dimostrato una significativa capacità di incidere sui processi politici a vari livelli, confermando una crescente presenza sul territorio. Anche nel campo dell’educazione si sono registrate novità importanti: non solo l’educazione allo sviluppo sostenibile è entrata ufficialmente nei programmi scolastici e universitari, ma l’Alleanza ha organizzato scuole estive di formazione di alto livello. Altro risultato di rilievo è arrivato dai “Saturdays for Future”, iniziativa che ha ricevuto il plauso delle Nazioni unite per essere una “buona pratica sul piano internazionale”.

Nella seconda parte del suo intervento, Giovannini ha enunciato le linee programmatiche per il biennio 2020/2021. Tra i temi sui quali si svilupperà l’azione dell’Alleanza nel biennio 2020-2021, sui quali si sono espressi molti partecipanti all’Assemblea, particolarmente significativi sono:

  • l’ampliamento della presenza sui territori affinché le varie dimensioni della sussidiarietà tra politiche sovranazionali, nazionali, regionali e territoriali possano trovare un raccordo e un riferimento concreto, con una grande attenzione alle città ma anche coinvolgendo nel percorso verso lo sviluppo sostenibile anche le aree non urbane che rischiano di rimanere ai margini;
  • la nuova impostazione politica europea, che la Commissione von der Leyen e il rinnovato Parlamento hanno scelto di orientare all’attuazione dell’Agenda 2030: questa svolta richiede un impegno più forte dell’Alleanza sui tavoli europei, in stretto raccordo con gli Aderenti;
  • il ruolo di partner scientifico che l’ASviS svolge nei confronti del Commissariato generale che gestisce il “padiglione Italia” a Dubai Expo 2020, dedicato alla bellezza e alla sostenibilità, occasione straordinaria per portare le eccellenze italiane su questi temi a livello internazionale;
  • il potenziamento del Festival italiano dello sviluppo sostenibile, che dovrebbe coinvolgere le ambasciate italiane nel mondo;
  • un più attento monitoraggio della legislazione nazionale ed europea, ma anche dell’attuazione degli impegni assunti dai singoli soggetti economici (le imprese in primo luogo) e sociali rispetto all’Agenda 2030, per ridurre al minimo il rischio del greenwashing, cioè delle enunciazioni alle quali non seguono comportamenti effettivi.  

L’assemblea si è conclusa con la riconferma di Pierluigi Stefanini ed Enrico Giovannini nei rispettivi ruoli di presidente e portavoce dell’Alleanza.   

 

 

di Elita Viola

giovedì 19 dicembre 2019
#ASviS_News_Alleanza

Aderenti

Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile - ASviS
Via Farini 17, 00185 Roma C.F. 97893090585 P.IVA 14610671001

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale