per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

Mobilità sociale: Nord Europa in testa, Italia ultima tra i Paesi industrializzati

Il rapporto del World economic forum evidenzia che molte economie sono caratterizzate da disuguaglianze in termini di opportunità e condizioni di vita. Interventi mirati avrebbero riflessi notevoli sul Pil. 22/1/20

I Paesi con la maggiore mobilità sociale sono tutti europei e in testa alla classifica si trovano le nazioni nordiche. L’Italia si rivela ultima tra i principali Paesi industrializzati, anche a causa di scarse opportunità di lavoro, soprattutto per i giovani. È quanto emerge dal primo rapporto annuale sulla mobilità sociale del World economic forum (Wef), dal titolo “The global social mobility report 2020. Equality, opportunity and a new economic imperative” pubblicato alla vigilia del summit annuale dell’organizzazione ora in corso a Davos (21-24 gennaio).

Lo studio sottolinea che in una società capace di offrire a ciascuno pari opportunità di sviluppare il proprio potenziale, a prescindere dalla provenienza socio-economica, ci sarebbe più coesione sociale e si rafforzerebbe anche la crescita economica. Un aumento della mobilità sociale del 10% spingerebbe il Pil di quasi il 5% in più in 10 anni. Tuttavia, osserva il Rapporto, sono ben poche le economie che hanno le condizioni giuste per favorire la riduzione delle disparità e l’inclusione. Le chance di una persona nella vita sono sempre più determinate dal punto di partenza, cioè dallo stato socio-economico e dal luogo di nascita.

Il global social mobility Index assegna il primo posto alla Danimarca con 85 punti, seguita da Finlandia, Norvegia, Svezia e Islanda.  Tra le economie del G7, la Germania è la più mobile socialmente (11esima, 78 punti), seguita dalla Francia (12esima).  Il Canada (14esimo) precede il Giappone (15esimo), il Regno Unito (21esimo), gli Stati Uniti (27esimi) e infine l’Italia, che è 34esima con 67 punti, superata anche da Portogallo (24esimo) e Spagna (28esima). La Russia, 39esima con 64 punti, è la migliore tra le economie del gruppo Brics: precede la Cina (45esima), il Brasile (60esimo), l’India (76esima) e il Sudafrica (77esimo).

L’Italia segna la sua migliore performance nell’ambito della salute, con 90 punti, potendo contare sul nono posto per la qualità e l’accesso alla sanità e sul quarto posto per l’aspettativa di vita. In termini di accesso, qualità ed equità dell’istruzione, il nostro Paese soffre di un’alta percentuale di inattivi (i cosiddetti neet che non sono impegnati nello studio, né nel lavoro né nella formazione) tra i giovani (quasi il 20%) e sconta le limitate possibilità di formazione continua, che riducono le opportunità di apprendimento per i lavoratori. Solo il 12,6% delle aziende offre una formazione strutturata, e per i disoccupati è difficile accedere ai corsi per migliorare le competenze.

Per far ripartire l’ascensore sociale, il Rapporto consiglia di rafforzare la progressività delle tasse sui redditi, riequilibrare le fonti di tassazione e introdurre politiche orientate alla spesa sociale. Sarebbe poi necessario puntare maggiormente sull’istruzione e sulla formazione continua e offrire una protezione a tutti i lavoratori, indipendentemente dal loro status occupazionale, in particolare nei contesti del cambiamento tecnologico e delle industrie in transizione.

Il Rapporto misura 82 economie in cinque dimensioni determinanti ai fini della mobilità sociale, ovvero salute, scuola (accesso, qualità ed equità), tecnologia, lavoro (opportunità, salari, condizione), protezioni ed istituzioni (protezione sociale e istituzioni inclusive).

Le conseguenze sociali ed economiche della disuguaglianza globale sono profonde e di vasta portata: qui l’allarme lanciato da Oxfam nel report “Time to care” pubblicato il 20 gennaio, che evidenzia come la ricchezza mondiale resti concentrata al vertice della piramide sociale.

Scarica il rapporto annuale sulla mobilità sociale

Scarica il report “Time to care”

 

di Andrea De Tommasi

 

mercoledì 22 gennaio 2020
#ASviS_Altre_News #goal10

Aderenti

Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile - ASviS
Via Farini 17, 00185 Roma C.F. 97893090585 P.IVA 14610671001

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale