per dare un futuro alla vita   
e valore al futuro

LOTTA CONTRO IL CAMBIAMENTO CLIMATICO

Adottare misure urgenti per combattere il cambiamento climatico e le sue conseguenze

Nel 2017 la concentrazione di CO2 in atmosfera ha raggiunto nuovi livelli record, più di 405,5 ppm (parti per milione), pari al 146% dei livelli pre-industriali Negli ultimi 10 anni sono presenti i sei anni più caldi di sempre, cinque di questi registrati dal 2015 in poi. Tornano ad aumentare le emissioni gas serra dell’Italia dal 2014. Tre quarti di queste provengano dal settore produttivo, mentre il resto è causato dai consumi familiari.

Notizie

Alta sostenibilità: prospettive energetiche future, servono scelte coraggiose

Per mitigare l’impatto sul clima, bisogna agire radicalmente sul settore energetico. Se ne è discusso su Radio Radicale nella rubrica ASviS condotta da Manieri e Viettone, ospiti Giordano (Ispra), Mercalli (Smi), Speroni (ASviS). 19/10/20 [AUDIO]

Con il varo del Green new deal, la Commissione europea si è impegnata a tagliare le emissioni del 55% entro il 2030 e il Parlamento europeo vorrebbe portare questo obiettivo al 60%, ma secondo le stime diffuse dall’’Agenzia internazionale dell’energia (Iea) nel suo annuale “World energy outlook” (Weo), i consumi energetici nei prossimi anni sono destinati ad aumentare.

Una tendenza, quest’ultima, che si scontra con la necessità di tagliare le emissioni di C02, misura imprescindibile per evitare l’innalzamento della temperatura oltre i 2° centigradi come previsto dagli Accordi di Parigi. Affinché questi vengano rispettati, si pone l’imperativo di intervenire sul fronte energetico secondo alcune chiare direttrici: accelerando la transizione dalle fonti fossili a quelle rinnovabili, puntando sull’efficientamento energico degli edifici e ultimo, ma non meno importante, incidendo drasticamente sulla riduzione dei consumi pro capite.

Se c’è però un accordo a livello teorico, i Paesi di tutto il mondo si dimostrano restii ad adottare misure radicali. Perché? E se tali provvedimenti venissero adottati, le società più energivore come quelle occidentali sarebbero disposte a rinunciare a un po’ del loro comfort per ridurre la propria impronta?

Ne hanno discusso a Radio Radicale, nella rubrica Alta sostenibilità a cura di ASviS condotta questa settimana da Valeria Manieri e Elis Viettone, gli ospiti Francesca Giordano, ricercatrice Ispra, responsabile sezione valutazioni ambientali nelle aree urbane, Luca Mercalli, presidente Società meteorologica italiana, e Donato Speroni, Segretariato ASviS.

ASCOLTA L'ULTIMA PUNTATA - Alta sostenibilità: prospettive energetiche future, servono scelte coraggiose

 

Francesca Giordano, ricercatrice Ispra

Luca Mercalli, presidente Società meteorologica italiana

Donato Speroni, Segretariato ASviS

Vai all'archivio delle puntate di Alta sostenibilità, la trasmissione di ASviS a cura di Valeria Manieri ed Elis Viettone, in onda il lunedì dalle 12:30 alle 13:00 su Radio Radicale.

 

Lunedì 19 Ottobre 2020

Aderenti

Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile - ASviS
Via Farini 17, 00185 Roma C.F. 97893090585 P.IVA 14610671001

Licenza Creative Commons
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale