Sviluppo sostenibile
Lo sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri bisogni senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i propri.

L'Agenda 2030 dell'Onu per lo sviluppo sostenibile
Il 25 settembre 2015, le Nazioni Unite hanno approvato l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, un piano di azione globale per le persone, il Pianeta e la prosperità.

Goal e Target: obiettivi e traguardi per il 2030
Ecco l'elenco dei 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals - SDGs) e dei 169 Target che li sostanziano, approvati dalle Nazioni Unite per i prossimi 15 anni.

Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile
Nata il 3 febbraio del 2016 per far crescere la consapevolezza dell’importanza dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e per mobilitare allo scopo di realizzare gli Obiettivi di sviluppo sostenibile.

I nostri Progetti per orientare verso uno sviluppo sostenibile

Contatti: Responsabile Rapporti con i media - Niccolò Gori Sassoli.
Scopri di più sull'ASviS per l'Agenda 2030

The Italian Alliance for Sustainable Development (ASviS), that brings together almost 300 member organizations among the civil society, aims to raise the awareness of the Italian society, economic stakeholders and institutions about the importance of the 2030 Agenda for Sustainable Development, and to mobilize them in order to pursue the Sustainable Development Goals (SDGs).
 

Archivio Alleanza

Lo sviluppo sostenibile non si costruisce con la politica dei due tempi

Le opinioni dei partecipanti all’evento inaugurale del Festival dell’ASviS: l’uscita dalla crisi economica e l’impegno su clima e diseguaglianze devono essere contemporanei. Impegno contro il greenwashing.  29/9/21

L’avvio del Festival dello Sviluppo Sostenibile quest’anno ha coinciso con la diffusione del Rapporto annuale dell’ASviS, presentato martedì 28 nell’evento inaugurale presso il Palazzo delle Esposizioni di Roma e seguito on line da 15mila persone sui canali ASviS e da altre migliaia sul sito dell’Ansa.

L’incontro si è aperto con il saluto di Cesare Maria Pietroiusti, presidente dell’Azienda speciale Palaexpo e con un video della sindaca di Roma Virginia Raggi. Il Festival e il Rapporto sono stati presentati dai due presidenti dell’ASviS, Marcella Mallen e Pierluigi Stefanini. “Ripartenza e inclusività”, ha detto Mallen, “sono le parole su cui abbiamo costruito questa edizione del Festival, per mobilitare la società civile sulla costruzione di un futuro migliore”. Il Festival contribuisce a creare una rete inclusiva, condividendo le buone pratiche. “La più grande sfida sarà la lotta ai cambiamenti climatici, ma dobbiamo affrontare anche i problemi sociali: la pandemia ha aumentato la povertà nel mondo. Sono segnali allarmanti, mitigati da alcuni positivi, come ad esempio le politiche dell'Unione europea. Con il NextGenerationEu ha messo a disposizione strumenti finanziari per la lotta al cambiamento climatico.

In Italia, l’approvazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) ci fa sperare che passi indispensabili possano essere fatti. “Anche nel settore privato abbiamo segnali positivi: le imprese sono sempre più consapevoli della direzione da prendere. Ciò che manca è il coraggio di sensibilizzare l'opinione pubblica sui passi da fare. I giovani che scendono in piazza sono consapevoli; molti giovani hanno messo al centro dei propri valori l'essenzialità, la semplicità, l'impatto delle proprie scelte di vita. Dovremo parlare dei costi inevitabili legati all'immobilismo, dobbiamo anche vivere questo processo epocale in quanto concretizza l'aspettativa di un mondo migliore, caratterizzato da nuovi modi di abitare e vivere, più inclusivi, più rispettosi.

Stefanini ha illustrato il Rapporto annuale dell’ASviS (vedere le slide) sottolineando l’urgenza delle scelte. “Abbiamo perso troppo tempo. Per realizzare l’Agenda rimangono dieci anni. E abbiamo il dovere assoluto di mettere in campo tutte le energie e le competenze per realizzare gli Obiettivi”.


LEGGI LA NEWS SUL RAPPORTO ASviS 2021


“Nel Rapporto, oltre alle proposte specifiche per ciascun Goal, presentiamo una serie di proposte trasversali, come l’inserimento nella Costituzione del concetto di sviluppo sostenibile, così come sottolineiamo il fatto che va definita la responsabilità della Presidenza del Consiglio nel sovraintendere all’attuazione complessiva dell’Agenda 2030 in Italia. Proponiamo che sia istituito, con la legge di Bilancio per il 2022, un ente pubblico di ricerca per gli studi sul futuro. Sarebbe importante darsi un metodo per guardare al futuro: infatti, la prima cosa che dovrebbe fare questo ente è definire, entro la fine del 2022, una relazione di previsione strategica al 2050”.

“Occorre mantenere”, ha proseguito Stefanini, “gli impegni internazionali nel contrasto ai cambiamenti climatici; occorre agire sul fronte delle emissioni, delle energie rinnovabili, e al tempo stesso rafforzare l'ecosistema e proteggere la biodiversità. Chiediamo l'aggiornamento del Piano nazionale energia e clima e che si delinei la fine dei sussidi alle fonti fossili. Proponiamo inoltre di istituire un tavolo per la parità di genere, affinché il processo sia partecipato. Sul tema dei giovani, avremmo preferito che ci fosse nel Pnrr un pilastro dedicato a loro, e sottolineiamo il fatto che sul tema delle politiche legate alle giovani generazioni dobbiamo cambiare approccio; dobbiamo avere politiche trasversali e il Consiglio nazionale dei giovani dovrebbe essere un luogo di incontro e riflessione.

Il ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili, Enrico Giovannini, si è soffermato sui “segnali deboli”, cioè su quegli indizi che vanno colti al più presto per capire che cosa sta cambiando. Il primo di questi segnali riguarda il settore privato, “che sta interiorizzando il tema della sostenibilità: al di là del marketing e del greenwashing, c’è un effettivo cambio di paradigma. La competizione si gioca anche sulla riduzione delle emissioni, sul rispetto dei diritti dei lavoratori, sui valori che possono attrarre i giovani talenti”. Anche la finanza sta cambiando e l’Europa è oggi campionessa mondiale della finanza social e green”.

Il secondo segnale è arrivato dal Next Generation Eu: “non si fa un cambiamento economico senza uno sociale e climatico. Il principio di non danneggiare l’ambiente, verificato dalla Commissione europea, si applicherà a molti altri progetti. Non è un cambiamento semplice, perché la tentazione di pensare ancora con termini vecchi è forte”.

“Ancora un altro segnale: ieri mi sono trovato a discutere di un Rapporto redatto da un gruppo di esperti che il presidente Macron ha richiesto a inizio 2020. Nel Rapporto si supera la logica dei due tempi, cioè l’idea che prima si fa ripartire l'economia, poi si pensa alle disuguaglianze e all'ambiente. Questo superamento cambierà il modo di pensare delle nuove generazioni, ma ricordiamoci sempre che i tempi sono stretti”, ha proseguito Giovannini.

“Anche il Pnrr è una rivoluzione; pur con tutti i limiti che l'ASviS ha segnalato, mostra che si possono fare le cose in modo diverso. Si può ridisegnare il Piano come strumento per stimolare la crescita economica, l'occupazione. Mi rendo conto che ci sia scetticismo ampio sugli annunci, per questo stiamo correndo nell'attuazione del Piano. Anche il monitoraggio è importante: l'Unione europea ci chiede di non guardare solo alla rendicontazione finanziaria, ma di guardare a tutti gli aspetti che l'Agenda indica”, ha concluso il ministro.

Marina Ponti, direttrice della UN SDG Action campaign, ha sottolineato che “nel mondo c'è in atto un movimento globale di cambiamento, per far sì che la fine della pandemia coincida con una ripresa che non lasci indietro nessuno. Cambiare è possibile, il cambiamento può avvenire in maniera rapida. Questo è il momento di riscrivere la storia, le regole, di ridefinire nuovi modi di vivere, produrre e consumare.

Il lancio del Festival coincide con l'ultima giornata di una mobilitazione globale per gli Obiettivi di sviluppo sostenibile: “abbiamo superato 75 milioni di azioni in 105 Paesi; dibattiti, eventi musicali e creativi, eventi sportivi, petizioni, discussioni in tutti i luoghi, anche politici. Il messaggio che ha spinto e spinge le persone ad agire è forte e chiaro: più persone che mai vogliono cambiare le cose, riscrivere la narrativa che descrive il nostro presente e il nostro futuro. Il sistema attuale non funziona per la maggior parte della popolazione. Come ha evidenziato la pandemia, dobbiamo cambiarlo”.

Nella seconda parte dell’incontro, la giornalista Monica Paternesi dell’Ansa ha moderato una tavola rotonda. Patrizia Grieco, presidente di Assonime, ha detto che nel mondo delle imprese sono stati fatti grandi progressi, perché prima la sostenibilità “era considerata filantropia”. Tuttavia, “dobbiamo stare attenti che tutto questo marketing e greenwashing non si confonda con le azioni vere”. Grieco ha espresso la speranza che migliori l’efficienza della pubblica amministrazione, grazie al superamento del blocco del turnover che ha fatto mancare alla Pa i giovani e le competenze. Ha poi definito “indegno” il quadro lavorativo delle donne e dei giovani e ha concluso parlando della esigenza di formazione permanente: “I lavori cambiano, molte persone verranno temporaneamente espulse dal mondo del lavoro, ma sarà un fenomeno temporaneo solo se sapremo come reinserirli.

Michele Crisostomo, presidente di Enel, ha sottolineato i ritardi nel passaggio alle energie rinnovabili a causa della vischiosità dell’apparato amministrativo. Per risolvere il problema si dovrebbe porre mano a riforme istituzionali, come quella della ripartizione dei poteri tra Stato e Regioni, e la presenza di standard urbanistici differenziati in ogni comune, che rende difficoltosa l’installazione delle colonnine per la ricarica delle auto elettriche.

Nicoletta Giadrossi, presidente del Gruppo Ferrovie dello Stato, ha messo in evidenza il rapporto tra l’abbattimento delle emissioni e l’intermodalità. “Oggi l’80% dei viaggi delle persone si svolge con auto private. Se riuscissimo a spostare anche solo il 10% sulle ferrovie e sugli autobus, avremmo ottenuto un grande risultato”. Due in questo momento gli obiettivi prioritari per Ffss: una migliore integrazione tra Alta velocità e treni regionali, e la riduzione dei tempi di percorrenza, che si vorrebbe abbattere del 17% entro il 2030.

Anche Pier Carlo Padoan, presidente di Unicredit, si è detto contrario alla politica dei due tempi e ha raccomandato di combattere il greenwashing. Oggi, ha detto Padoan, le banche sono impegnate su tre fronti: fornire finanza, che è sempre il compito primario, ma offrire alle imprese anche consulenza strategica; inoltre, le banche stesse devono cambiare il loro modo di crescere, con attenzione agli impatti ambientali, alla sostenibilità sociale, alle modalità di governance.

“Le banche stanno interiorizzando un nuovo paradigma: un’economia sostenibile deve essere europea ma l’Europa da sola non basta. Deve cambiare se stessa, deve proporre strumenti, deve completare le sue riforme, deve rivedere le sue regole fiscali. E questo è il momento per cambiare la politica europea”.

Le conclusioni sono state affidate alla presidente Mallen: “usciamo da questa prima giornata di Festival ancora più motivati nel nostro impegno verso la diffusione della cultura della sostenibilità. Abbiamo detto no alla logica dei due tempi e al greenwashing. Ciò significa che non possiamo più scherzare, non possiamo più perdere tempo su temi come l'occupazione dei giovani e delle donne. Abbiamo opportunità straordinarie: il Pnrr, un governo credibile e affidabile, una Europa coesa. Questo è il momento del cambiamento”.

Guarda il video integrale

Vedi le slide di Stefanini

Leggi il comunicato stampa

Scarica il Rapporto 2021 e la sintesi

 

a cura di Donato Speroni

Mercoledì 29 Settembre 2021

Aderenti