Sviluppo sostenibile
Lo sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri bisogni senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i propri.

L'Agenda 2030 dell'Onu per lo sviluppo sostenibile
Il 25 settembre 2015, le Nazioni Unite hanno approvato l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, un piano di azione globale per le persone, il Pianeta e la prosperità.

Goal e Target: obiettivi e traguardi per il 2030
Ecco l'elenco dei 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals - SDGs) e dei 169 Target che li sostanziano, approvati dalle Nazioni Unite per i prossimi 15 anni.

Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile
Nata il 3 febbraio del 2016 per far crescere la consapevolezza dell’importanza dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e per mobilitare allo scopo di realizzare gli Obiettivi di sviluppo sostenibile.

I nostri Progetti per orientare verso uno sviluppo sostenibile

Contatti: Responsabile Rapporti con i media - Niccolò Gori Sassoli.
Scopri di più sull'ASviS per l'Agenda 2030

The Italian Alliance for Sustainable Development (ASviS), that brings together almost 300 member organizations among the civil society, aims to raise the awareness of the Italian society, economic stakeholders and institutions about the importance of the 2030 Agenda for Sustainable Development, and to mobilize them in order to pursue the Sustainable Development Goals (SDGs).
 

Notizie

L’EcoAtl@nte, la prima mappa interattiva del patrimonio ambientale italiano

La piattaforma, prodotta da Ispra e Sina, riunisce dati, trend e cartografie di attualità in uno storytelling di facile consultazione. Laporta: “La conoscenza è alla base delle decisioni da prendere oggi per pianificare la transizione ecologica”.  14/4/22

“Immaginate di trovarvi in una città nella quale esiste una metropolitana davvero particolare: non vi porta in qualche strada o boulevard, e nemmeno in piazze e stazioni ferroviarie. Piuttosto vi trasporta in un luogo dove è possibile conoscere storie, scoprire dati, mappe e grafici in grado di soddisfare molte delle curiosità che riguardano l’ambiente italiano”. Questo è l’EcoAtl@nte, il primo atlante nazionale, realizzato dall’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra), che riunisce informazioni riguardanti la geografia e la storia del nostro territorio, coniugando dati climatici, ambientali, territoriali, raccolti nel corso degli anni dal Sistema informativo nazionale ambientale (Sina).

Proprio come se si trattasse di un “percorso metropolitano”, l’EcoAtl@nte trasporta il visitatore in un luogo in cui dati e mappe sono combinati: “Consultare l’EcoAtlante significa avere a portata di mano quel complesso patrimonio informativo, alimentato dall’Ispra e dall’intero Sistema nazionale, che rappresenta il riferimento ufficiale nel nostro Paese per la conoscenza dei temi ambientali”, ha dichiarato in un’intervista Stefano Laporta, presidente di Ispra e del Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente (Snpa). “Questo patrimonio viene reso in una forma semplice e accattivante che punta a coniugare l’autorevolezza del dato scientifico con un tipo di narrazione che lo renda facilmente comprensibile e memorizzabile. La conoscenza è alla base delle decisioni da prendere oggi per pianificare la transizione ecologica”.

L’EcoAtl@nte presenta infatti un’efficace storymap, consultabile attraverso tre punti di accesso: il “Viaggio”, i “Dati” e le “Storie”. Si tratta di tre modalità differenti che rappresentano e raccontano, ognuna a modo loro, le più significative informazioni ambientali del nostro Paese.

Il Viaggio. Questa prima sezione “si snoda attraverso un’infografica molto simile a una ‘tabula’, la carta disegnata secoli fa per illustrare le vie stradali costruite dall’Impero Romano”, si legge sul sito del Snpa. Questa mappa non è stata elaborata seguendo una logica cartografica, ma offrendo all’utente un percorso itinerante per muoversi liberamente, alla scoperta dei principali temi ambientali del nostro Paese.

I Dati. Questa sezione conduce invece alla consultazione della cartografia vera e propria, composta da mappe tematiche interattive, dove si possono selezionare temi da consultare e luoghi specifici, con la possibilità di concentrarsi su un comune, una provincia, una regione o l’intera penisola italiana.

Le Storie. In questa terza e ultima sezione, le informazioni scientifiche vengono rappresentate attraverso un nuovo impianto grafico, con l’obiettivo di privilegiare non solo l’oggettività del dato ma anche lo storytelling, rendendo comprensibili e memorizzabili le informazioni. La scienza e i dati, grazie a questo “racconto”, sono riuniti per fornire informazioni, chiarire dubbi e sciogliere terminologie spesso complesse. Dati e mappe possono inoltre essere sovrapposti, per mettere in relazioni epoche e informazioni differenti.

“L’Eco@tlante raccoglie quindi tante storie, diverse e a volte lontanissime fra loro”, si legge sul sito Snpa, “unite però da un grande ‘filo rosso’: l’ambiente e l’immensa banca dati Ispra e Snpa”.

 

di Flavio Natale

 

Fonte dell'immagine di copertina: sum43/123rf

Giovedì 14 Aprile 2022

Aderenti