Sviluppo sostenibile
Lo sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri bisogni senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i propri.

L'Agenda 2030 dell'Onu per lo sviluppo sostenibile
Il 25 settembre 2015, le Nazioni Unite hanno approvato l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, un piano di azione globale per le persone, il Pianeta e la prosperità.

Goal e Target: obiettivi e traguardi per il 2030
Ecco l'elenco dei 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals - SDGs) e dei 169 Target che li sostanziano, approvati dalle Nazioni Unite per i prossimi 15 anni.

Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile
Nata il 3 febbraio del 2016 per far crescere la consapevolezza dell’importanza dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e per mobilitare allo scopo di realizzare gli Obiettivi di sviluppo sostenibile.

I nostri Progetti per orientare verso uno sviluppo sostenibile

L'Alleanza produce documenti con cadenza annuale (Rapporto ASviS "L'Italia e gli Obiettivi di sviluppo sostenibile", Rapporto sui Territori, analisi della Legge di Bilancio), Position Paper e altre pubblicazioni rilevanti. 

Contatti: Responsabile Rapporti con i media - Lorenzo Scheggi Merlini

The Italian Alliance for Sustainable Development (ASviS), that brings together almost 300 member organizations among the civil society, aims to raise the awareness of the Italian society, economic stakeholders and institutions about the importance of the 2030 Agenda for Sustainable Development, and to mobilize them in order to pursue the Sustainable Development Goals (SDGs).
 

Notizie

Entro il 2022 il lavoro svolto da macchine e algoritmi salirà dal 29 al 42%

Secondo il World economic forum, internet ad alta velocità, intelligenza artificiale, analisi dei big data e tecnologia cloud distruggeranno 75 milioni di posti di lavoro. Ma ne saranno necessari altri 133 milioni. 1/4/2019

Come sarà il mondo del lavoro nel 2022? Il  World economic forum (Wef) lo ha chiesto ai manager di 313 aziende, che fanno capo a 20 economie mondiali e a 12 settori industriali, e ha diffuso i dati raccolti nel rapporto The Future of Jobs. Nel dossier emerge che la divisione del lavoro tra macchine, algoritmi e persone sta cambiando rapidamente: l’automazione, la robotizzazione e la digitalizzazione stanno lentamente sostituendo il lavoro umano e nell’ambito delle mansioni esistenti si espande la quota di ore svolte dalle macchine.

Attualmente il 71% del lavoro viene svolto dai dipendenti e il 29% da macchine e algoritmi, ma questo trend è destinato a cambiare rapidamente: entro il 2022, infatti, i datori di lavoro prevedono che il 58% del lavoro sarà gestito dai dipendenti e il 42% dalle macchine, che svolgeranno anche il 62% delle attività di elaborazione di dati, trasmissione di informazioni e comunicazione. Nei prossimi anni, infatti, il mondo del lavoro cambierà radicalmente e le imprese prevedono di aumentare il loro investimento sull’analisi dei big data dell’85%, sull’uso di applicazioni internet e web market del 75%, sull’internet delle cose del 75%, sulla tecnologia cloud del 72%, sulla realtà aumentata del 58%, sulla blockchain del 45%, sui robots stazionari del 37% e sui robot umanoidi del il 23%.

 “Gli esiti di questa trasformazione”, scrive nel dossier il direttore esecutivo del Wef Klaus Schwab, “dipenderanno “da come le parti interessate promuoveranno i sistemi di istruzione e formazione, le politiche del mercato del lavoro, gli approcci imprenditoriali, lo sviluppo delle competenze, gli accordi di assunzione e i contratti sociali esistenti”. Entro il 2022, le occupazioni emergenti cresceranno dal 16% attuale al 27%, mentre i dipendenti impreparati dal punto di vista tecnologico diminuiranno dal 31% al 21% . Di conseguenza, non meno del 54% di tutti i dipendenti richiederà una riqualificazione e di questi circa il 35% avrà bisogno di una formazione di sei mesi, il 9% di 12 mesi e il 10% di oltre un anno. Perciò, sottolinea Klaus Schwab, “la quarta rivoluzione industriale ridurrà il numero dei lavoratori necessari per determinati compiti”, comportando transizioni difficili per milioni di lavoratori, ma “l’aumento della domanda di nuovi ruoli compenserà la diminuzione della domanda per gli altri”.

Tradotto in termini quantitativi, questo significa 75 milioni di posti di lavoro correnti sostituiti dalle macchine e dagli algoritmi e 133 milioni nuovi posti di lavoro. Secondo il dossier, le aziende intendono far fronte alle lacune formative dei loro dipendenti in tre modi: assumendo nuovo personale già formato a livello tecnologico; cercando di automatizzare i processi produttivi il più possibile e riqualificando i dipendenti: anche se tra questi ultimi, saranno beneficiari dei corsi di formazione soltanto gli impiegati già specializzati. Oltre agli analisti di dati, agli sviluppatori di software e agli specialisti di e-commerce e social media - aggiunge il dossier - nel lavoro del futuro ci sarà spazio anche per le persone dotate di intelligenza emotiva, leadership e orientamento al servizio, per mansioni legate al servizio clienti, marketing, vendite, formazione, sviluppo e organizzazione di eventi culturali. 

Scarica il Rapporto 

 

di Viola Brancatella 

Lunedì 01 Aprile 2019

Aderenti