Sviluppo sostenibile
Lo sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri bisogni senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i propri.

L'Agenda 2030 dell'Onu per lo sviluppo sostenibile
Il 25 settembre 2015, le Nazioni Unite hanno approvato l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, un piano di azione globale per le persone, il Pianeta e la prosperità.

Goal e Target: obiettivi e traguardi per il 2030
Ecco l'elenco dei 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals - SDGs) e dei 169 Target che li sostanziano, approvati dalle Nazioni Unite per i prossimi 15 anni.

Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile
Nata il 3 febbraio del 2016 per far crescere la consapevolezza dell’importanza dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e per mobilitare allo scopo di realizzare gli Obiettivi di sviluppo sostenibile.

I nostri Progetti per orientare verso uno sviluppo sostenibile

Contatti: Responsabile Rapporti con i media - Niccolò Gori Sassoli.
Scopri di più sull'ASviS per l'Agenda 2030

The Italian Alliance for Sustainable Development (ASviS), that brings together almost 300 member organizations among the civil society, aims to raise the awareness of the Italian society, economic stakeholders and institutions about the importance of the 2030 Agenda for Sustainable Development, and to mobilize them in order to pursue the Sustainable Development Goals (SDGs).
 

Notizie

L’impegno del Csf su agricoltura sostenibile, sicurezza alimentare e nutrizione

Al centro delle attività della piattaforma internazionale Committee on World Food Security, gli investimenti sull'agricultura per migliorare la sicurezza alimentare e supportare i programmi per garantire una giusta alimentazione a livello globale.

La quarta riunione del gruppo di lavoro aperto Open Ended Working Group del Comitato sulla sicurezza alimentare mondiale Cfs,  Comittee on World Food Security, dedicato agli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, si è tenuta il 22 giugno 2016, nel quartier generale dell'Ifad, l'International Fund for Agricultural Development di Roma.

I Paesi membri e gli altri stakeholder hanno finalizzato una proposta per il coinvolgimento del Cfs nell’implementazione dell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, da sottoporre alla 43esima assemblea plenaria del Comitato, che si terrà dal 17 al 22 ottobre 2016.

Il gruppo di lavoro aperto sugli SDGs era stato istituito nell’ultima plenaria del Comitato sulla sicurezza alimentare mondiale, tenutosi nell’ottobre 2015, per stabilire le modalità con cui il Cfs, organismo globale e multi-stakeholder, sosterrà i progressi nel raggiungimento degli SDGs legati all'agricoltura sostenibile, alla sicurezza alimentare e alla nutrizione. I gruppi di lavoro sono organi informali nei quali i membri Cfs, oltre ad altri partecipanti e osservatori, possono discutere e fare proposte ma non hanno alcun potere esecutivo. I risultati del loro lavoro vengono convogliati all’assemblea plenaria del Cfs, che è l'organo decisionale vero e proprio.

Nel corso dell’incontro Carla Mucavi, direttore dell'Ufficio di collegamento della Fao, Food and Agriculture Organization, da New York ha fornito un aggiornamento sugli sviluppi relativi all’Agenda 2030 dal punto di vista delle agenzie Onu con sede a Roma, ovvero Fao, Ifad e World Food Programme. Mucavi, in particolare, ha richiamato l’attenzione sui preparativi per l’Hlpf, High Level Political Forum, nell’ambito del quale una delle discussioni tematiche che si terrà il 12 luglio a New York si concentrerà su sicurezza alimentare e agricoltura sostenibile.

di Giulio Lo Iacono

Martedì 05 Luglio 2016

Aderenti